Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Tennis: Roland Garros, Osaka prepara un complicato ritorno, 'ero preoccupata ma sto bene'

Di Redazione

New York, 21 mag. Naomi Osaka si sta preparando per un difficile ritorno agli Open di Francia, un anno dopo aver citato problemi di salute mentale quando si è ritirata dal torneo. L'ex numero uno del mondo Osaka ha vinto quattro titoli del Grande Slam ma non ha mai superato il terzo round al Roland Garros. Proprio agli Open di Francia del 2021 dove è arrivata dopo aver vinto il titolo degli Australian Open all'inizio dell'anno, è iniziato il suo travagliato periodo con la richiesta di evitare i rapporti con i media. Dopo essere stata multata, la Osaka alla fine ha lasciato il torneo dopo aver vinto al primo turno, descrivendo le sue "enormi ondate di ansia" quando ha parlato con i giornalisti.

Pubblicità

Era stata avvertita dai responsabili del Grande Slam che avrebbe potuto essere espulsa dall'evento se avesse continuato a rifiutarsi di prendere parte alle funzioni dei media. La superstar giapponese ha compiuto un passo significativo venerdì quando è apparsa in una conferenza stampa pre-torneo. "Non mentirò", ha detto Osaka, "quando sono venuto qui per la prima volta, ero molto preoccupata. Certo, non mi piaceva nemmeno come ho gestito la situazione, ma ero preoccupata che ci fossero persone che ho offeso in qualche modo e che mi sarei imbattuta in loro. Ma penso che tutti siano stati davvero positivi, per la maggior parte. Ero anche molto preoccupata per questa conferenza stampa, perché sapevo che avrei ricevuto molte domande al riguardo. Certo, ci sto ancora pensando, e mi sto anche preparando nel caso in cui andassi in campo e un tifoso dicesse qualcosa come a Indian Wells. Per la maggior parte, penso di stare bene".

Alla Osaka è stato quindi chiesto come avesse trovato la conferenza stampa e ha spiegato che stava ancora cercando di capire come parlare di nuovo con i giornalisti. "Mi sento come se fossi più divertente", ha risposto con un sorriso. "Come se fossi in grado di fare battute e non mi importasse se qualcuno riuscisse a capirle o meno. Sento come se la cosa fosse cambiata, io che cerco di capire la folla. Mi sento come un cabarettista e sto cercando di capire cosa va bene e cosa non va. Sto analizzando ciò che posso dire e ciò che non posso dire. Ma per la maggior parte, cerco di essere me stessa".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: