Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Tokyo 2020, Berrettini salta le Olimpiadi per infortunio

Di Redazione

Infortunio muscolare per Matteo Berrettini. Il tennista romano, prima testa di serie azzurra e recente finalista al torneo di Wimbledon contro Novak Djokovic, salterà così le Olimpiadi di Tokyo.

Pubblicità

"Matteo Berrettini alza bandiera bianca - scrive il Coni sul suo sito - Il tennista azzurro deve rinunciare alla partecipazione dei Giochi Olimpici, a causa dei postumi di un infortunio muscolare, sgradita eredità dello storico exploit nel torneo di Wimbledon, che gli ha permesso di diventare il primo italiano di sempre a disputare la finale del prestigioso torneo londinese. La delegazione dell'Italia Team si attesta così a 384 atleti (197 uomini - con Paratore pronto a subentrare formalmente nel golf a Molinari - e 187 donne): dopo il 16 luglio, infatti, l'ITF non consente sostituzioni rispetto alla rosa di atleti indicata dai Comitati Olimpici".

"Sono estremamente dispiaciuto di annunciare la mia cancellazione dalle Olimpiadi di Tokyo - scrive Berrettini su Instagram - Rappresentare l'Italia è un onore immenso e sono devastato all'idea di non poter giocare le Olimpiadi". "Ieri mi sono sottoposto ad una risonanza per controllare l'infortunio alla gamba sinistra che mi sono procurato durante Wimbledon e l'esito non è stato ovviamente positivo. Non potrò competere per alcune settimane e dovrò stare a riposo. Faccio un grosso in bocca al lupo a tutti gli atleti italiani, vi supporterò da lontano ma con tutto me stesso".

Ed è definitivo il forfait di Francesco Molinari per Tokyo. "Sto cercando di trovare le parole giuste, ma non le trovo. Ho un problema alla schiena che mi ha frenato per buona parte della stagione e che adesso sfortunatamente mi impedisce di rappresentare il mio Paese nella più importante manifestazione sportiva al mondo - scrive su Twitter il golfista - Farò il tifo per gli atleti italiani sperando di poter essere in grado di partecipare alle Olimpiadi in futuro".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: