Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Ue: Ifo critica regolamenti su investimenti finanziari 'verdi'

Di Redazione

Monaco di Baviera, 18 mag. L'introduzione di un quadro normativo europeo per gli asset finanziari "verdi" riduce la performance economica complessiva e potrebbe portare a una minore azione per il clima a livello mondiale. Questa è la conclusione a cui sono giunti il presidente dell'ifo Clemens Fuest e il ricercatore dell'ifo Volker Meier in un recente articolo per l'ifo Schnelldienst. "La tassonomia non è allineata con altri strumenti di politica climatica; soprattutto, mina i vantaggi di efficienza del prezzo della CO₂", afferma Fuest.

Pubblicità

Gli autori criticano anche il possibile obiettivo di vincolare i futuri governi a una politica ambientale più severa sulla base di questo regolamento UE. Sebbene il capitale verrebbe vincolato a investimenti "verdi" nel lungo periodo, la disponibilità della popolazione a pagare per ulteriori misure di politica ambientale diminuirebbe. "Lo scambio di quote di emissione è uno strumento di politica climatica migliore della tassonomia dell'UE, che adotta essenzialmente un approccio di economia pianificata definendo quali attività finanziarie sono 'verdi' e quali no", afferma Meier. Per ridurre le emissioni di gas serra, l'Ue farebbe meglio a porre un tetto massimo all'assegnazione dei diritti di emissione.

Nella tassonomia, la Commissione europea stabilisce le regole relative ai prodotti finanziari considerati "verdi". Lo scopo è quello di creare trasparenza per gli investitori su quali attività economiche sono sostenibili, con l'obiettivo di indirizzare i finanziamenti preferibilmente verso queste attività. Inoltre, si prevede che l'UE applichi queste regole quando finanzia i progetti.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: