Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

Adnkronos

Sicurezza: Calderoli, ‘su violenze sessuali ripensare a mia pdl per castrazione chimica’

Di Redazione |

Roma, 27 mar. “Nell’arco di pochi giorni a Milano fermati due molestatori seriali accusati di aver aggredito e palpeggiato più donne in breve tempo, entrambi recidivi e già noti per questi reati sessuali. Questi due casi, che rappresentano la punta di un iceberg sommerso in tutta Italia, con analoghi casi quotidiani in tutto il Paese, confermano la necessità di ripensare seriamente alla mia storica proposta di una ‘castrazione chimica’, temporanea e con effetti reversibili, per questi soggetti patologici, proposta che ho presentato in ogni legislatura, inclusa quella attuale, ma mai discussa”. Così Roberto Calderoli della Lega.

“Questa inarrestabile ondata di violenze sessuali commesse da soggetti recidivi conferma la necessità di introdurre nel nostro ordinamento la misura temporanea della castrazione farmacologica, per inibire chimicamente per un periodo limitato di tempo le pulsioni deviate di questi violenti criminali. Ricordo inoltre che nel 2018 un giudice del tribunale di Milano aveva emesso nei confronti di un pedofilo recidivo, che aveva abusato di tre bimbe, un’ingiunzione terapeutica riconoscendo che su uno stupratore seriale la sola pena detentiva non produce alcun effetto sui comportamenti illeciti connessi ad ‘un disturbo della sessualità non controllabile’ e aggiungendo che al detenuto per reati sessuali, oltre alla pena, occorre affiancare un percorso di cure per limitare le pulsioni sessuali”.

“Per cui, senza entrare nel caso specifico, quella sentenza di fatto aveva già aperto la strada alle cure farmacologiche per inibire le pulsioni sessuali in alcuni soggetti. Cosa aspettiamo? Di fronte a queste violenze sessuali quotidiane auspico che il Parlamento si impegni subito a discutere e votare la mia proposta di legge per introdurre la castrazione chimica per i recidivi”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: