Notizie Locali


SEZIONI
Catania 35°

Adnkronos

Ucraina: missione Iv ai confini, Bellanova ‘siamo qui per capire come essere utili’

Di Redazione |

Roma, 27 mar. “Siamo qui per testimoniare la vicinanza dell’Italia verso chi sta fuggendo dalla guerra, incontrare le autorità locali, il mondo del volontariato, i rappresentanti istituzionali e capire meglio quello che il nostro Paese può e deve fare”. Così stamane ai microfoni di RaiNews24 dal punto di frontiera di Siret in Romania la presidente di Italia Viva, Viceministra alle Infrastrutture e mobilità sostenibili Teresa Bellanova. Insieme a Ettore Rosato, Nicola Danti, Laura Garavini, Massimo Ungaro, da ieri Bellanova è con la delegazione di Italia Viva impegnata in una missione istituzionale in Romania, lungo il confine con l’Ucraina, e poi in Moldavia.

“Non ci sono parole per descrivere le sensazioni provate davanti a quanto di drammatico stiamo vedendo e ascoltando”, aveva detto ieri sera Bellanova nel collegamento con Radio Leopolda, “e al confronto con tutto questo la strumentalità di alcune polemiche e prese di posizione che qualcuno in cerca di leadership sta sviluppando nel nostro Paese si dimostra per quello che è: una piccola miseria politica”.

“Siamo venuti qui soprattutto per capire in che modo possiamo essere utili e per questo abbiamo avviato un dialogo utilissimo anche con le Associazioni e con i volontari. Come continuare la nostra battaglia in Europa e indirizzare anche gli aiuti. Stiamo incontrando soprattutto donne. Donne, giovanissime madri, bambine e bambini molto piccoli. Che hanno bisogno di tutto. Lo dico perché vorrei fosse chiaro a chi ci ascolta che cosa significa parlare con donne che hanno lasciato case, mariti, spesso anche figli. Immaginate che cosa c’è nel cuore di queste donne e quanto noi abbiamo il dovere di testimoniare vicinanza concreta e aiuto. Un dato è certo: c’è un paese aggredito e un aggressore, queste persone stanno combattendo anche per la nostra integrità europea e noi abbiamo il dovere di garantire tutti gli strumenti perché si possano difendere. Caricarci della responsabilità di portare avanti questa battaglia per essere capaci di scrivere le parole di pace”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: