Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

On. Pullara

Distretto socio sanitario, le risposte del comune di Agrigento non convincono

Il parlamentare: "Ci è stata data risposta che è prassi violare il regolamento e che essendo tali violazioni non sollevate da nessuno di fatto sono sanate. Inoltre, è pronta la bocciatura del rimborso da parte del ministero per l'acquisto dei Suv"

Di Gaetano Ravanà |

“Giovedì mattina della scorsa settimana abbiamo audito il Codacons di Agrigento che ha evidenziato possibili profili di illegittimità sulla gestione delle risorse del distretto socio sanitario di cui è capofila il Comune di Agrigento.  Le risposte del comune su tali atti illegittimi sono apparse in chiaro contrasto con il regolamento di funzionamento e ci sono sembrate alquanto per così dire “particolari”.

Lo afferma il deputato regionale della Lega e presidente commissione speciale all'Ars on. Carmelo Pullara.

"Ci è stata data risposta che è prassi violare il regolamento – continua Pullara – e che essendo tali violazioni non sollevate da nessuno di fatto sono sanate. Ciò ci ha visti costretti a chiedere ufficialmente all’assessorato alla famiglia una attività ispettiva tenuto conto che si tratta di servizi sensibili e le risorse gestite sono ingenti. In effetti nella trasmissione striscia la notizia è stata portata a conoscenza di tutta l’opinione pubblica la vicenda che riguarda l'acquisto di Suv per servizi ai disabili sempre presso il comune di Agrigento. I fondi destinati ai servizi socio educativi che lo Stato ha stanziato anche per il Comune di Agrigento, e già disponibili dalla scorsa estate, sono stati spesi per acquistare 4 suv. La cosa allarmante in questo caso è stata la risposta per così dire di sorpresa. E’ pronta la bocciatura del rimborso da parte del ministero. Ebbene i due episodi sono certamente un campanello di allarme che abbiamo suonato al competente assessorato che dovrà avviare ispezione. Rimarremo vigili ed in attesa delle risultanze perché i soldi pubblici ma soprattutto quelli destinati a favore dei fragili e deboli non possono essere gestiti per prassi in violazione di atti regolamento ovvero ritenuti sanati poiché nessuno si lamenta onestamente sia su una visione del diritto che ci pare alquanto discutibile ed elastica fino al punto di spezzarsi”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA