Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

“Incidente Chiara La Mendola”, Comune a giudizio per il risarcimento danni

La giovane morti all'età di 24 anni a causa di una mancata riparazione di una profonda buca in via Cavaleri Magazzeni nel dicembre del 2013

Di Gaetano Ravanà

Il 19 aprile del 2021, i giudici della seconda sezione della Corte d’Appello di Palermo, presieduta da Fabio Marino, hanno confermato la sentenza emessa il 12 luglio del 2018, quando il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Giuseppe Miceli, ha condannato ad 1 anno di reclusione ciascuno il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale di Agrigento, Giuseppe Principato, 63 anni, ed il funzionario, Gaspare Triassi, 54 anni, responsabile del servizio strade comunali, imputati di omicidio colposo a seguito della mancata riparazione, o di un’adeguata segnalazione, di una profonda buca stradale in via Cavaleri Magazzeni, ad Agrigento, tra San Leone e Cannatello, che intorno alle ore 18 del 30 dicembre 2013 ha provocato un incidente stradale e la morte di Chiara La Mendola, 24 anni di età. Nelle motivazioni della sentenza di primo grado, il giudice Miceli tra l’altro scrisse: “Al di là della fin troppo dichiarata mancanza di fondi, il Comune di Agrigento disponeva comunque di quelli necessari, oltre che del personale, della struttura e dei mezzi, per compiere quanto meno i piccoli lavori di manutenzione ordinaria, quali la copertura di una buca sull’asfalto o quanto meno anche solo, appunto, per segnalare l’insidia agli utenti della strada”. Ebbene adesso uno dei fratelli di Chiara La Mendola, Marco La Mendola, ha citato in giudizio innanzi al Tribunale il Comune di Agrigento per ottenere il risarcimento dei danni. Il Comune ha ritenuto opportuno costituirsi in giudizio contro la domanda risarcitoria tramite l’avvocato Antonino Insalaco, dirigente del primo settore.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA