Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Il femminicidio di Lorena: il fidanzato Antonio De Pace condannato all'ergastolo

La ragazza, originaria di Favara, era laureanda all'università di Messina. L'uomo, un infermiere calabrese l'ha strangolata dopo un banale litigio

Di Redazione

La Corte d’Assise di Messina ha condannato all’ergastolo Antonio De Pace, il giovane del vibonese in carcere per il femminicidio della fidanzata, Lorena Quaranta.

Pubblicità

 

 

La ragazza, specializzanda al Policlinico di Messina, è stata trovata morta, la notte del 31 marzo 2020, nella villetta di Furci Siculo dove viveva con l’infermiere calabrese Antonio De Pace. La vittima ha prima picchiato e poi messo le mani al collo della sua donna per strangolarla dopo un banale litigio, avvenuto la sera prima e terminato poi in tragedia nell’appartamento di Furci.

 

 

De Pace aveva poi tentato il suicidio, si era procurato dei tagli prima di chiamare i carabinieri e trincerarsi in un lungo silenzio, senza riuscire mai a spiegare le ragioni del gesto. La giovane di Favara quell'anno, si sarebbe dovuta laureare con una tesi in Pediatria. Ad ottobre del 2020 l’Università di Messina l’ha poi proclamata dottoressa in Medicina e Chirurgia, con la votazione di 110 e lode.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA