Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Caso Suv, Hamel e Bongiovi: "Una situazione tragicomica"

I due consiglieri comunali di Liberi e Solidali: "Curiosi di sapere da dove l'amministrazione preleverà i soldi per restituirli al Ministero della Famiglia"

Di Gaetano Ravanà

I consiglieri comunali del movimento Liberi e Solidali di Agrigento, Nello Hamel e Alessia Bongiovì, intervengono a seguito della procedura di recupero avviata dal ministero alle Politiche sociali delle somme spese dal Comune di Agrigento per l’acquisto di automobili Suv e computer con fondi destinati a fini sociali. Hamel e Bongiovì affermano: “Avevamo già rilevato le violazioni adesso confermate dal ministero in una nostra conferenza del 21 gennaio scorso. Con la revoca del finanziamento di 135.617 euro si conclude, impietosamente, una vicenda gestita dall’amministrazione in carica con superficialità, arroganza e irresponsabilità. Nei prossimi giorni vedremo da dove verranno presi i soldi da restituire al ministero, ma soprattutto vedremo se il Sindaco avrà un sussulto di orgoglio e adotterà i provvedimenti conseguenziali a questo epilogo tragicomico che offusca l’immagine della città e conferma tutte le censure e le critiche sollevate negli ultimi mesi. I soldi pubblici non sono materia da gestire con leggerezza, e le norme di legge e le disposizioni contenute nel decreto di finanziamento non erano un optional, ma un obbligo giuridico e morale che imponeva correttezza e coerenza di gestione. Ci aspettiamo gesti forti perchè altrimenti ci sarà la conferma che nella città di Agrigento è ricominciata la stagione della mala politica, del pressappochismo e delle clientele”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA