Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Favara, omicidio dell'ex presidente del consiglio comunale: fermato dai carabinieri l'ex suocero

Salvatore Lupo fu ucciso in u bar del centro lo scorso 15 agosto. Arrestato Giuseppe Barba: secondo la Procura è stato lui a premere il grilletto 

Di Redazione

I carabinieri di Favara hanno arrestato su ordine della Procura di Agrigento, eseguendo u fermo di indiziato di delitto, Giuseppe Barba 66 anni. L’uomo è accusato di essere l’autore dell’omicidio di Salvatore Lupo, l’ex presidente del consiglio comunale di Favara nonché suo ex genero.

Pubblicità

 

 

Lupo era stato ucciso lo scorso 15 agosto con tre colpi di pistola, all’interno di un bar del centro di Favara. Giuseppe Barba è accusato di omicidio con l’aggravante “di aver commesso il fatto per motivi abietti e futili” e della premeditazione.

 

 

Il delitto è stato commesso con una pistola calibro 38 che Barba deteneva illegalmente all’interno della propria abitazione.

Le indagini dei carabinieri di Favara e della compagnia di Agrigento, coordinate dai pm Paola Vetro e Chiara Bisso, avrebbero accertato che l’indagato si trovava a bordo della sua autovettura sul luogo nelle ore del delitto, e le successive indagini tecniche hanno evidenziato cospicue tracce di polvere da sparo sulla sua autovettura. Questa la ricostruzione ufficiale della Procura di Agrigento, coordinata dal procuratore Luigi Patronaggio, in merito al fermo di indiziato di delitto di Giuseppe Barba, 66 anni, di Favara ex suocero di Salvatore Lupo, 45 anni, ucciso il 15 agosto in un bar del centro di Favara. Pubbliche offese personali e grossi contrasti economici, legati alla separazione coniugale, costituiscono secondo gli investigatori il movente del gesto. La conoscenza da parte dell’indagato di indagini a suo carico e la possibilità di trovare rifugio all’estero - è stato evidenziato da Patronaggio - hanno indotto gli investigatori a disporne il fermo. Le indagini, svolte in un clima di massima omertà - dicono gli inquirenti - continuano.

DA STUB LA PROVA REGINA. Tracce di polvere da sparo sono state trovate, grazie all’esame dello Stub, sul volante della Fiat Panda riconducibile all’indagato Giuseppe Barba, 66 anni, indiziato dell’omicidio dell’ex genero: l’ex presidente del consiglio comunale di Favara Salvatore Lupo. L’autovettura era stata ripresa da alcune telecamere di videosorveglianza private, impianti collocati nelle immediate adiacenze del bar di via IV Novembre dove, nel pomeriggio del 15 agosto, è avvenuto il delitto, sia lungo una ipotetica ricostruzione del tragitto che quell'utilitaria avrebbe fatto. «Dalle telecamere si vede una macchina che si avvicinava davanti l’esercizio commerciale, scende una figura non ben definita e all’improvviso scappavano un certo numero di persone quasi impaurite da qualcosa, e si può immaginare il rumore della pistola. Poi questa macchina è ripartita - ha ricostruito, durante la conferenza stampa svoltasi alla caserma Biagio Pistone di Agrigento, il maggiore Marco La Rovere che comanda la compagnia di Agrigento - .Il riscontro principe, a livello tecnico, lo abbiamo avuto con lo stub (un tampone adesivo che cattura le particelle da polvere da sparo). Avevamo fatto questo accertamento già la sera stessa dell’omicidio e già dall’inizio avevamo inquadrato le vicissitudini in ambito familiare, sia di tipo personale che economico». La pista investigativa seguita dai carabinieri della tenenza di Favara e da quelli della compagnia di Agrigento risultava essere, dunque, già ben definita fin dalle ore immediatamente successive al delitto. Ma è stato necessario attendere i cosiddetti «elementi di prova».

CLIMA DI ASSOLUTA OMERTA'.  «Non ci sono stati testimoni, nonostante l’omicidio sia avvenuto nel tardo pomeriggio, all’interno di un esercizio commerciale del centro di Favara, e c'è stato il fuggi fuggi generale, nessuno ha testimoniato». Lo ha detto il comandante provinciale dell’Arma di Agrigento, il colonnello Vittorio Stingo. 
 Già stamani, subito dopo il fermo di Giuseppe Barba ritenuto l'assassino dell’ex genero Salvatore Lupo, il procuratore capo Luigi Patronaggio era tornato a ribadire che l’inchiesta s'è svolta in un clima di assoluta omertà. Nelle ore, e nei giorni immediatamente successivi, è emerso infatti che nessuno aveva visto, né sentito nulla. «Di contro, va però anche evidenziato che le dinamiche familiari, che hanno motivato l’omicidio premeditato, ci sono state fornite da cittadini di Favara che hanno senza dubbio - ha concluso il colonnello Stingo - collaborato in maniera significante a individuare il quadro investigativo suffragato poi dall’emissione del fermo della Procura». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA