Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

La Fortitudo Agrigento sfiora l'impresa nel Lazio, ma la A2 è ancora alla portata

Gli uomini di Catalani cedono al Real Rieti di soli due punti in gara-3. Pesante l'assenza del capitano, Albano Chiarastella

Di Gaetano Ravanà

La Fortitudo Agrigento perde Gara 3 contro la Sebastiani Rieti per 60-58 sfiorando l'impresa e punta al secondo match point domenica alle 18 al Palasojourner. La squadra di coach Catalani approccia male il match e l'assenza di Albano Chiarastella si fa sentire con un parziale di 11-2 in favore di Rieti. Sono poche le occasioni che portano Agrigento in vantaggio, Rieti ha saputo dominare il campo e sfruttare le occasioni sprecate della Fortitudo. Un super Ambrosin con 19 punti non basta alla squadra di coach Catalani per rimontare 15 punti di scarto nell'ultimo quarto e vincere il match, rimane comunque una prova di forza importante con l'ultimo parziale di 6-15 in favore di Agrigento ed il risultato finale di 60-58. In doppia cifra anche Nico Morici autore di 14 punti. Coach Catalani soddisfatto della prova dei suoi: "Era il match che ci aspettavamo e tenere a 60 punti Rieti in casa loro è sicuramente un risultato importante. Non rimprovero nulla ai miei ragazzi, mancava poco per vincere la partita e ci riproveremo per Gara 4, abbiamo ancora due match point per portare a casa il risultato, è una finale e ci stanno partite così combattute. Complimenti alla Sebastiani per il match che hanno giocato e per l'ambiente attorno, cerchiamo di recuperare le energie e ci vediamo domenica.

Pubblicità

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA