Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Migranti, hotspot Lampedusa si va svuotando. Salvini: «Fuga organizzata»

Il leader della Lega, che resterà per due giorni nell'isola posta anche un video dell'imbarco dei migranti verso altre mete

Di Redazione

Sarà un’altra giornata di trasferimenti di migranti a Lampedusa, che oggi riceve la visita del leader della Lega Matteo Salvini. Ieri hanno lasciato l’isola - con i traghetti di linea e la nave Diciotti della Guardia costiera - 871 ospiti dell’hotspot dove, al momento, ci sono 809 persone a fronte di una capienza di 350 posti. 

Pubblicità

Secondo quanto pianificato dalla Prefettura di Agrigento, d’intesa con il Viminale, 150 verranno imbarcati sul traghetto Sansovino che arriverà in serata a Porto Empedocle. A scortarli, due squadre di carabinieri. Sempre in mattinata, altri 50 migranti verranno trasferiti a Pozzallo con una motovedetta della Guardia di finanza e altri 50 ad Agrigento, su motovedetta della Guardia costiera. La nave Diciotti, salpata nel cuore della notte con circa 800 profughi, è intanto arrivata a Porto Empedocle. 

E nell'isola, che nei giorni scorsi ha vissuto una fase di emergenza per gli sbarchi continui che hanno affollato l'hotspot anche di 2000 persone,  è in corso, con una grossa autogru, la rimozione dei barchini, utilizzati dai migranti per arrivare fino a Lampedusa, dal molo Favarolo. Le imbarcazioni vengono caricate su un camion che le trasferirà lontano dallo specchio d’acqua del porto. Si tratta di un’operazione di pulizia anche in vista di nuovi approdi. Le condizioni del mare sono buone e si attendono nuovi sbarchi. 

Salvini che da ieri attacca il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese per la gestione degli sbarchi, anche stamane non ha mancato di ribadire che a Lampedusa a poche ore dal suo arrivo, di notte, è stata organizzata "la fuga" di centinaia di clandestini verso altre zone d’Italia. "Vergogna" ha scritto il leader leghista postando anche un video della partenza dei migranti.

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: