Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Spese pazze al Consorzio universitario: due rinvii a giudizio

Si tratta di Olga Matraxia, ex dirigente del settore Affari generali dell’Ente, e Andrea Occhipinti, dirigente del Settore finanziario. Il reato contestato, presumibilmente commesso tra il 2012 e il 2013, è peculato, e la somma sottratta ammonterebbe a circa 50mila euro

Di Gaetano Ravanà

Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha rinviato a giudizio due imputati nell’ambito dell’inchiesta sulle cosiddette “spese pazze” al Consorzio universitario di Agrigento. Si tratta di Olga Matraxia, ex dirigente del settore Affari generali dell’Ente, e Andrea Occhipinti, dirigente del Settore finanziario. Il reato contestato, presumibilmente commesso tra il 2012 e il 2013, è peculato, e la somma sottratta ammonterebbe a circa 50mila euro. I vertici del Consorzio universitario avrebbero utilizzato indebitamente le carte di credito a loro disposizione destinandole a spese esclusivamente personali come trasferte con mezzi aerei, acquisti per biglietti di treno o soggiorni in hotel, anche per i loro accompagnatori, giustificando le spese con motivi, ritenuti inesistenti, di rappresentanza istituzionale. E’ stata invece congelata, in quanto irreperibile, la posizione dell’ex presidente del Consorzio, nominato nel 2009, Joseph Mifsud, irreperibile e ricercato già da alcuni anni. In particolare non vi sono più tracce di Mifsud da quando, nell’ottobre del 2017, gli Stati Uniti resero noto il suo coinvolgimento nel cosiddetto “Russiagate”. Prima udienza il 18 ottobre innanzi ai giudici della seconda sezione penale presieduta da Wilma Angela Mazzara.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA