Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Tre anni di reclusione ad Antonino Chiazza, 4 anni e 4 mesi a Michele Amato e 2 anni ad Antonio Chiazza

I capi di imputazione sono legati alla pretesa della cessione gratuita di un terreno, a Camastra, del valore di 12mila euro per compensare un debito a carico di un licatese 

Di Gaetano Ravanà

Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, il giudice per le udienze preliminari del Tribunale, Stefano Zammuto, a conclusione del giudizio abbreviato, ha condannato per tentata estorsione a 3 anni di reclusione Antonino Chiazza, 50 anni, di Palma di Montechiaro, poi 4 anni e 4 mesi a Michele Amato, 45 anni, di Canicattì, e 2 anni ad Antonio Chiazza, 34 anni, di Palma di Montechiaro. Assolto Giuseppe Triglia, 36 anni, di Canicattì. I capi di imputazione sono legati alla pretesa della cessione gratuita di un terreno, a Camastra, del valore di 12mila euro per compensare un debito di appena un sesto di tale valore a carico di un licatese di 49 che avrebbe acquistato da loro varie dosi di cocaina accumulando un debito di circa 2mila euro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA