Notizie Locali


SEZIONI
Catania 12°

Turismo e terzo settore

Rino Petyx nominato Responsabile nazionale Dipartimento progetti e bandi “1500 borghi d’Italia Aics”

Grazie al “Merito professionale e qualità umane” del Progettista -  dichiarazione posta nell’incarico – Agrigento ha raggiungimento il prestigioso traguardo professionale

Di Gaetano Ravanà |

Grande traguardo della Presidenza provinciale di Agrigento dell’Aics, con il suo progettista, architetto Rino Petyx, a cui è stato conferito l’incarico di Responsabile nazionale Dipartimento progetti e bandi "1500 borghi d'Italia Aics". Grazie al “Merito professionale e qualità umane” del Progettista –  dichiarazione posta nell’incarico – Agrigento ha raggiungimento il prestigioso traguardo professionale. La Sicilia, grazie a questa punta di forza  (ed in modo particolare la provincia di Agrigento),  emerge, sulle  20 Regioni italiane. La struttura dell’Aics nazionale si articola in 20 Comitati regionali, di cui uno siciliano e 120 provinciali  di cui uno quello di Agrigento, alla rete AICS aderiscono più di 1.240.000 soci: una forza!

Un incarico che premia non solo Rino Petyx come architetto progettista, ma anche la Presidenza provinciale di Agrigento  diretta dal Pres. Prov.le Giuseppe Petix e tutto l’operativo staff dell’Ufficio di Presidenza composto da Mario Gero Taibi, già Dirigente Regionale del Dipartimento Turismo, nonché dal Consigliere provinciale AICS  Agostino Droga, Responsabile della Segreteria provinciale e consigliere comunale di Casteltermini, che grazie ad uno staff di alto profilo professionale, come Agostino Droga (figura di spicco di un importante patronato sociale  e consigliere comunale di Casteltermini, dal Prof. Federico Tona che coordina l’ufficio di progettazione  e da tanti altri professionisti.

Figure queste, che come team, hanno permesso di raggiungere obiettivi importanti, coinvolgendo, grazie al lavoro svolto ed a oltre  cento progetti redatti nel biennio 2020-2021, decine di comuni siciliani, magistralmente guidati da giovani capaci e di buona volontà, a cui va dedicato un plauso, Scuole di ogni ordine e grado, Cooperative  sociali, Associazioni culturali e sportive, e principalmente i giovani di tutte le fasce di età.  Progetti che hanno spaziato, dalla valorizzazione della lingua siciliana, alla valorizzazione del patrimonio culturale, materiale ed immateriale, alla fruizione turistica, alle attività formative e di inclusione sociale, alla difesa della fascia dei più fragili ed ancora, allo sport, al teatro, all’arte, alla musica e tanto altro in un elenco lunghissimo.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA