Notizie locali
Pubblicità

Ambiente

Clima, la geografia degli eventi estremi: Sicilia sorvegliata speciale

Ecco le aree del paese maggiormente colpite da alluvioni, trombe d’aria o ondate di calore

Di Leonardo Zermo

Cresce, di anno in anno, il numero degli eventi estremi e dei comuni colpiti in Italia: lo afferma il Rapporto dell’Osservatorio CittàClima 2021 di  egambiente 
secondo cui dal 2010 al 1 novembre 2021 sono stati registrati  1.118 eventi meteorologici estremi (133 nell’ultimo anno, +17,2% rispetto alla scorsa edizione del rapporto) in 602 comuni (+95 rispetto allo scorso anno, quasi +18%) con 261 vittime (9 solo nei primi dieci mesi di quest’anno).

Pubblicità

Record di caldo, piogge intense, grandinate estreme, violente trombe d’aria e alluvioni: in Italia l’impatto dei cambiamenti climatici è sotto gli occhi di tutti e i dati sull'accelerazione di questi fenomeni sono sempre più preoccupanti, afferma Legambiente nel rapporto realizzato con il contributo del Gruppo Unipol e la collaborazione scientifica di Enel Foundation, precisando che in dieci anni «si sono verificati 486 casi di allagamenti da piogge intense, 406 casi di stop alle infrastrutture da piogge intense con 83 giorni di stop a metropolitane e treni urbani, 308 eventi con danni causati da trombe d’aria, 134 gli eventi causati da esondazioni fluviali, 48 casi di danni provocati da prolungati periodi di siccità e temperature estreme, 41 casi di frane causate da piogge intense e 18 casi di danni al patrimonio storico». 

Intere città come Roma, Bari, Milano, Genova e Palermo, ma anche territori colpiti da eventi estremi ripetutamente e negli stessi luoghi. Si tratta di aree come la costa romagnola e nord delle Marche, con 42 casi registrati dal 2020 al 1 novembre 2021, della Sicilia orientale e della costa agrigentina con 38 e 37 eventi estremi. In queste ultime due aree sono stati numerosi i record registrati nel corso del 2021: a Siracusa l’11 agosto, si è raggiunto il record europeo di 48,8 °C di temperatura, nel Catanese e Siracusano in 48 ore si è registrata una quantità di pioggia pari ad un terzo di quella annuale. Inoltre, proprio questa parte dell’isola è stata teatro di devastazione a seguito del medicane Apollo. 

 

 

A disegnare la geografia degli eventi meteorologici estremi collegati ai cambiamenti climatici in atto è proprio il Rapporto CittàClima 2021 che individua 14 aree del Paese dove si ripetono con maggiore intensità e frequenza alluvioni, trombe d’aria e, in alcuni casi negli stessi territori, ondate di calore. Si tratta di grandi aree urbane e di territori costieri dove la cronaca degli episodi di maltempo e dei danni è senza soluzione di continuità e per questo dovrebbe portare a un’attenzione prioritaria da parte delle politiche. 

Colpita anche l’area metropolitana di Napoli dove si sono verificati 31 eventi estremi, mentre, tra gli altri territori, ci sono il Ponente ligure e la provincia di Cuneo, con 28 casi in tutto, il Salento, con 18 eventi di cui 12 casi di danni da trombe d’aria, la costa nord Toscana (17 eventi), il nord della Sardegna (12) ed il sud dell’isola con 9 casi. 

 

 

Secondo mil rapporto, dal 2010 al 1 novembre 2021, in Italia sono state 261 le vittime degli eventi meteorologici estremi che si sono abbattuti sul nostro Paese, 9 solo nei primi 10 mesi del 2021 (4 in Sicilia nell'ultimo mese).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA