Notizie Locali


SEZIONI
Catania 28°

Archivio

Caso Regeni: Palazzotto, ‘fregate all’Egitto? Non si sacrifichi etica ad economia’

Di Redazione |

Roma, 9 giu. (Adnkronos) – Le due fregate vendute dal governo italiano all’Egitto con un accordo da 9 mld? “Siamo davanti a un export di armamenti imponenti, che, al netto della questione Regeni, apre una riflessione rispetto a qual è il modello economico con cui noi guardiamo al Mediterraneo. Penso che anche in un momento così delicato, non si possa mai pensare di sacrificare l’etica sull’altare degli interessi economici, anche in una fase difficile come quella post Covid”. Lo dice Erasmo Palazzotto, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, in un’intervista a ‘Sono le Venti’, il tg di Peter Gomez in onda questa sera alle ore 20 su ‘Nove’, riguardo alla notizia delle due fregate vendute all’Egitto dal governo italiano.

A chi gli chiede le implicazioni della commessa con la crisi libica, “una fornitura di nave da guerra, pattugliatori, aerei, elicotteri, satelliti addirittura – osserva Palazzotto – a un Paese come l’Egitto, è in contraddizione rispetto alla dinamica geopolitica nel Mediterraneo. Questa – premette – è una valutazione che io faccio non da presidente della Commissione d’inchiesta e a prescindere da caso Regeni. Noi oggi ci troviamo davanti a una crisi, quella libica, in cui l’Egitto è con il generale Haftar in uno schieramento opposto a quello che ci vede col governo di unità nazionale di al-Seraj”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: