Notizie Locali


SEZIONI
Catania 33°

Archivio

Goldman Sachs: niente più ipo con aziende senza almeno un consigliere donna

Di Redazione |

Milano, 23 gen. (Adnkronos) – Da quest’anno Goldman Sachs non lavorerà più a progetti di quotazione in Borsa con società che non abbiano almeno un consigliere di amministrazione donna. Lo ha annunciato lo stesso amministratore delegato, David Solomon, in un’intervista a Cnbc a margine del Forum di Davos. La banca d’affari comincerà con queste nuove linee guida dal 1 luglio di quest’anno per chiedere due donne nel board dal 2021. “Se guardo alle ipo degli ultimi quattro anni e alle loro performance, nei casi in cui c’era una donna nel board l’andamento era significativamente migliore rispetto ai casi in cui non c’erano ‘quote rosa’”, afferma il banchiere.

“Quindi, a partire dal 1 luglio, negli Stati Uniti e in Europa, non lavoreremo con una società a meno che – spiega – non ci sia almeno un candidato del consiglio donna e nel 2021 arriveremo a chiederne due. Ci rendiamo conto che questo è un piccolo passo ma è un passo nella direzione di dire cosa pensiamo che sia giusto”. E ammette: “Potremmo perdere un po ‘di affari, ma a lungo termine questo è il miglior consiglio per le aziende che vogliono generare nel tempo rendimenti superiori per gli azionisti”. Tra l’altro, osserva, “siamo anche in grado di aiutare il cliente a trovare candidate da inserire nel board. Questo è un esempio di come possiamo fare qualcosa di cui siamo convinti e che aiuta a far fare passi avanti al mercato”.

Nel consiglio di amministrazione di Goldman Sachs la donne sono 4 su 11 membri.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: