Notizie locali
Pubblicità

Caltanissetta

Le audizioni dell'Antimafia a Caltanissetta, Morra: «Quadro illuminante sulla criminalità organizzata nissena»

Il presidente della commissione anche oggi in città per sentire rappresentanti delle istituzioni e alcuni giornalisti

Di Redazione

«Ieri è stata una giornata illuminante perché, soprattutto grazie ad alcuni degli auditi, abbiamo avuto un quadro verosimile della realtà nissena, che è una provincia del tutto particolare perché, per quanto piccola demograficamente e debole economicamente, presenta dei tratti di specificità della criminalità organizzata di stampo mafioso assai particolari e rilevanti». Lo ha detto Nicola Morra, presidente della commissione nazionale antimafia, che anche oggi è a Caltanissetta per sentire rappresentanti delle istituzioni e alcuni giornalisti. 

Pubblicità

«Innanzitutto - ha proseguito Morra - c'è la coabitazione di Cosa Nostra con la Stidda, soprattutto per Gela e dintorni. Non è un caso che oggi siamo rimasti a lungo con il sindaco di Gela che ha rappresentato una situazione per cui è stata necessaria la secretazione per quasi l’intera audizione. C'è molto da lavorare e c'è da ragionare con il Csm, ma anche con il Ministero, relativamente alle dotazioni organiche ma anche alla qualità e all’esperienza dei magistrati (visto che qui di fatto si viene di prima nomina e poi si scappa) è ovvio che la qualità dell’azione giurisdizionale viene ad essere indebolita da queste singolari condizioni di lavoro». 

«Abbiamo rimarcato anche - ha aggiunto Morra - come Caltanissetta sia titolata a lavorare su reati che avvengono soprattutto nell’ambito degli uffici giudiziari palermitani. Proprio per questo serve maggior qualità. Qui si sono svolti i processi per il caso Saguto, per le Stragi, per il caso Montante ma anche per esempio per la strage di Pizzolungo. E tutto questo rinvia a passaggi fondamentali nella storia di Cosa Nostra non soltanto siciliana ma anche Italiana». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA