Notizie Locali


SEZIONI
Catania 27°

Il caso

Bronte, il bar dove l’igiene non era l’ingrediente principale: multa al titolare

Le verifiche dei carabinieri del Nas

Di Redazione |

I militari della Compagnia di Randazzo, con i Carabinieri del Nas hanno sanzionato il titolare di un esercizio commerciale di Bronte, per alcune violazioni nel settore igienico-sanitario.

Durante l’attività ispettiva, i Carabinieri hanno controllato un bar situato nel centro cittadino che adoperava come deposito alimentare un magazzino non a norma. In particolare, all’interno di un vano attiguo al bar, i militari hanno trovato materiale in disuso, impolverato, accantonato vicino a buste di farina e granella di pistacchio, nonché barattoli di crema ottenuta con quello che viene chiamato “l’oro verde” della frutta secca.

Questi prodotti sono solitamente usati per la preparazione di gelati o per la farcitura di cornetti e brioches e, oltre ad essere conservati correttamente, devono essere muniti di tracciabilità che ne certifichi l’origine. In questo caso, però, il titolare dell’attività non aveva alcuna fattura di acquisto della merce che, peraltro, non era stata custodita secondo norme igienico sanitarie adeguate. I prodotti alimentari sono stati sequestrati e il proprietario del bar è stato multato di 2.500 euro.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA