Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

Catania

Giovane animatore muore a Biancavilla durante festa di compleanno

Di Mary Sottile |

Paternò (Catania) – Una domenica di dolore, incredulità e sgomento. La scomparsa improvvisa, poco dopo la mezzanotte nella notte tra sabato e domenica, di Alessandro Maugeri, 26enne paternese, lascia un profondo vuoto ed un’infinita amarezza nell’intera città. Non solo in quanti lo conoscevano, ed erano in tanti, ma anche in quanti hanno appreso la notizia dagli amici, per strada, sui social.

Su facebook sono oltre un centinaio i messaggi lasciati in ricordo di Alessandro, un giovane solare e pieno di vita. Nessuna retorica determinata dalla circostanza, Alessandro un ragazzo solare lo era davvero. Parlano gli amici, le sue foto, lo stile di vita che conduceva, le sue passioni, in testa la musica, l’animazione. Proprio sabato sera, era a Biancavilla, doveva animare una festa per i 18 anni di una studentessa. Nel corso della serata Alessandro si è sentito male, è caduto in terra, per tutti un semplice malore. Rialzatosi, Alessandro è rimasto all’interno del locale, poi, qualche istante dopo, è tornato a stare male e per lui, tragicamente, è arrivata improvvisa la morte. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118 che ha provato per circa tre quarti d’ora a rianimare Alessandro, ma per lui, purtroppo non c’è stato nulla da fare. Sotto shock le persone presenti alla festa. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Paternò, per capire cosa fosse accaduto. Accertata la morte naturale, molto probabilmente determinata da un arresto cardiacircolatorio, il corpo di Alessandro è stato restituito ai familiari. Una morte assurda, anche perché il giovane non aveva nessuna malattia; un ragazzo sano che conduceva una vita sana. Le sue passioni, i suoi amori, erano la famiglia, la fidanzata, la musica, gli amici; amava ridere e far ridere.

“Quante volte ti avrò rincorso dentro gli spogliatoi dell’ “Ardizzone” alla fine di ogni allenamento – scrive un amico, Salvo Bertino, sulla pagina facebook di Alessandro -, tutte le volte che ne combinavi una. Ci fosse stata una volta in cui sono riuscito ad acchiapparti. Eri così, come l’eroe del tuo cartone preferito, inafferrabile Lupin. Di te resta l’esuberanza, l’irruenza di metterci il sorriso sempre e comunque. Resta quell’inesauribile energia vitale che non ti faceva fermare mai. Neanche adesso. Sei andato anche stavolta. L’ultima. Troppo poco il tempo.”

L’ultimo saluto ad Alessandro domani mattina, con una Santa Messa nella Chiesa dello Spirito Santo, alle ore 10.30.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA