Notizie locali
Pubblicità

Catania

A Catania è il giorno di Sant'Agata: pontificale all'alba e a porte chiuse

Per il secondo anno niente processioni e celebrazioni religiose senza i fedeli nel rispetto delle norme anti-Covid 

Di Redazione

E' festa a Catania per la santa patrona Agata. Una festa per il secondo anno di seguito a porte chiuse nel rispetto delle norme anti-Covid. E anche il Pontificale, solitamente celebrato intorno alle 10,30 e preceduto da una breve processione dei sacerdoti dell'Arcidiocesi di Catania, stamani è stato invece celebrato alle 6 del mattino e rigorosamente in assenza dei fedeli.

Pubblicità

Leggendo e ascoltando «il testo della Passione di Agata» «noi forse ci siamo scoraggiati» perché "ci descrivono prospettive e traguardi paradossali rispetto a quanto abitualmente ascoltiamo dagli altri o pensiamo noi stessi, indottrinati da una pubblicità sempre più invadente e suadente». E’ un passaggio dell’omelia dell’amministratore apostolico, mons. Salvatore Gristina, del Santo Pontificale per la festa di Sant'Agata, Patrona di Catania, celebrato in Cattedrale alla presenza del sindaco reggente Roberto Bonaccorsi per l’emergenza Covid. Prima dell’inizio della messa è stato esposto accanto all’altare il busto reliquiario della Vergine e Martire che a fine funzione è stato riportato nel luogo in cui è custodito. Le feste agatine, ha ricordato mons. Gristina, «quest’anno, come l'anno scorso, non possono svolgersi secondo le indicazioni che i Vescovi di Sicilia abbiamo prudentemente emanato a causa della pandemia». «L'assenza delle processioni - ha sottolineato - può aiutarci a comprendere meglio che partecipare a questi gesti di devozione in onore della Madonna e dei Santi, costituisce un pubblico impegno di voler camminare con loro, di vivere come loro. Infatti, in comunione con tutte le Chiese abbiamo iniziato il cammino sinodale diocesano per una Chiesa sinodale che ci vedrà crescere nella comunione, nella partecipazione e nella missionarietà.

 

 

In questo cammino - ha osservato - si inserirà il 19 febbraio il nuovo arcivescovo, monsignor Luigi Renna. Egli diventerà nostro compagno di viaggio. Anzi, lo guiderà con il ministero episcopale che svolgerà tra di noi con la luce e la forza dello Spirito e come immagine autentica di Gesù Buon Pastore». Mons. Gristina, che ha lasciato l’incarico di arcivescovo di Catania per la sua età, ha deciso di rimanere «in questa amata chiesa catanese» per «il resto dei giorni, che il Signore vorrà concedermi» e «sotto la guida del nuovo Pastore, verso il quale fin d’ora e pubblicamente, nella fraternità episcopale, prometto rispetto ed obbedienza».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA