Notizie locali
Pubblicità

Catania

Borsa schermata e dispositivi anti taccheggio rimossi: così 24enne depredava i negozi

Arrestato e mezzo ai domiciliari il giovane tradito dalle telecamere della video sorveglianza: prendeva di mira rivendite di abbigliamento e di elettronica

Di Redazione

Schermava la sua borsa e portava con sé un attrezzo per disinserire i dispositivi anti taccheggio. I Carabinieri della Stazione di San Giovanni La Punta, hanno arrestato e messo ai domiciliari su ordine del gip di Catania, un catanese di 24 anni perché accusato di furto aggravato.

Pubblicità

La zona “d’influenza” che il giovane aveva eletto per le sue scorribande era quella puntese, allettante per la presenza dei suoi centri commerciali che con il loro grande bacino d’utenza che vi si riversa, gli permetteva di confondersi agendo indisturbato, o quasi.

Ma è stato tradito dalle numerose telecamere di video sorveglianza. Lui ogni settimana circa, munito della sua borsa schermata compiva la sua scorribanda in quei negozi di elettronica od in quelli d’abbigliamento, già precedentemente individuati per avere in vendita soltanto capi ricercati e soprattutto costosi.

Così i militari, acquisite le varie denunce di furto patite dagli esercenti, hanno svolto la minuziosa disamina di una grande mole di filmati dei vari impianti di videosorveglianza, riuscendo alla fine ad individuare il ladro, riconoscendolo anche per loro diretta conoscenza dovuta ai suoi precedenti trascorsi giudiziari.

Il ladro utilizzava uno strumento per privare gli abiti dei dispositivi antitaccheggio, ma si avvaleva anche di un dispositivo elettronico con il quale disattivava le protezioni antifurto di computer portatili o apparecchi elettronici, tutta merce che avrebbe poi rivenduto a ricettatori. Il valore della refurtiva asportata in sole 5 sortite ammonta a circa 3000 euro che però è passibile di verosimile incremento qualora, a seguito di ulteriori indagini in corso, il giovane venisse analogamente riconosciuto in altri analoghi episodi.

L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA