Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, abusi sessuali sulla figlia di 15 anni: arrestato un quarantenne

La vicenda è venuta alla luce dopo il racconto della ragazza alla madre che si è da qualche tempo separata dall'uomo

Di Redazione

Morbose attenzioni sessuali nei confronti della figlia di 15 anni. E’ questa la terribile accusa per un 40enne che è stato arrestato dai carabinieri di Catania su ordine del gip del Tribunale etnea che ha accolto la richiesta della Procura Distrettuale. L’uomo è accusato di violenza sessuale aggravata e continuata.

Pubblicità

Le indagini hanno fatto luce sul morboso comportamento dell’uomo scoperto nello scorso mese di novembre dall’ex moglie che, avendo notato il turbamento della figlia, ha affrontato con lei il problema scoprendo così la triste realtà. In particolare, la coppia che aveva convissuto di fatto, si era separata circa cinque anni prima ed aveva mantenuto comportamenti sereni tanto da non ritenere necessario il ricorso al Tribunale civile per regolare gli aspetti sull’affidamento delle due figlie, nate durante il rapporto di convivenza (una di 7 anni che aveva scelto di convivere con la madre e l’altra, di 15 anni appunto, che aveva invece preferito vivere con il padre nell’abitazione dei nonni paterni). Nel corso di una sofferta confidenza rilasciata dapprima alla madre, e poi confermata in sede di indagini con il supporto di una psicologa, la ragazza ha rivelato che il padre dormiva insieme a lei in un letto matrimoniale e che la sera era solito guardare video pornografici su un tablet nascosto sotto le lenzuola, da lei inequivocabilmente compresi esser tali per averne sentito l’audio. L’uomo – come spiega una nota della Procura di Catania - avrebbe compiuto atti di autoerotismo durante i quali avrebbe anche consumato atti sessuali con la figlia, abbracciandola da dietro, toccandole le parti intime e facendole percepire il proprio stato di eccitazione. Tale comportamento si sarebbe verificato, tra l’altro, in talune occasioni in cui anche la sorellina più piccola si era fermata a dormire insieme a lei ed al genitore. Il disagio della ragazza, che ogni volta con forza e disgusto cercava di respingere le insane voglie sessuali del padre, sarebbe stato accentuato dalla vana richiesta rivolta alla nonna (che non ne comprendeva il motivo in quanto ignara dei fatti) di cambiare ogni giorno le lenzuola sporche del liquido seminale del padre. La ragazza stanca della situazione è così ritornata a vivere insieme alla madre che percependo il suo malessere ha immediatamente informato i Carabinieri.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: