Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania: alla Sidra una bolletta astronomica di quasi 14 mln (che sarà scaricata sugli utenti)

L'aumento dei costi è diventato pressoché insostenibile. L'allarme dei vertici della società

Di Cesare La Marca

In “casa Sidra” si aspetta con apprensione la “bolletta” di settembre, ovvero il conto dei costi energetici che avranno il loro inevitabile impatto sulle tariffe del servizio idrico integrato e sulle tasche degli utenti, a loro volta ancora più in apprensione per questa e mille altre ragioni. 
E come se non bastasse il vertiginoso aumento del costo dell’energia, che sta mettendo sotto scacco imprese e famiglie alla vigilia di un autunno sempre più carico di nuvole nere e incognite, si aggiungono - come rilevano i vertici della società idrica - anche intoppi e nodi burocratici che appesantiscono la situazione. 
«Avremmo potuto evitare di pagare circa 280mila euro di Iva in scadenza entro il 31 agosto - afferma il presidente Fabio Fatuzzo - ma dal ministero delle Finanze non ci hanno inviato i codici necessari per accedere al credito d’imposta del 20%, rendendo così del tutto inutile questo provvedimento e costringendoci a pagare interamente l’imposta. C’è da aggiungere che così come l’Acoset non siamo stati inseriti tra le aziende energivore, pur essendo a tutti gli effetti tali per l’attività legata agli impianti di sollevamento. Stiamo aspettando adesso la fattura di settembre per stabilire quale sarà l’aumento della tariffa, che purtroppo dovremo sicuramente applicare. Per avere un’idea dell’incremento dei costi energetici che abbiamo dovuto affrontare basti pensare che questi equivalevano a 400mila euro all’inizio del 2021, per arrivare ad agosto a 2 milioni e 400mila euro, oltre all’Iva per circa seicentomila euro che non abbiamo potuto compensare». 
Le fatture riportano in effetti una vera e propria impennata alla voce “spesa per la materia energia”, la stessa che sta mettendo in ginocchio imprese di ogni settore e dimensione, bar ed esercizi commerciali, oltre che utenti e famiglie. 
Nel 2020, il costo totale dei consumi energetici sostenuti da Sidra ammontava a poco meno di cinque milioni di euro, per impennarsi già nel 2021 a quasi otto milioni di euro. 
Ma è nel 2022 che per effetto della grave crisi internazionale e dell’instabilità geo politica il costo dell’energia è schizzato progressivamente fino agli attuali insostenibili livelli, col pesante rischio che la situazione possa aggravarsi in inverno con l’aumento della domanda. 
Basti pensare che i consumi energetici della Sidra in questo maledetto 2022, ancora parziali e cioè solo fino allo scorso 31 agosto, ammontano già all’esorbitante cifra di 13.731.922,02 euro, importo che appare purtroppo ben lontano da quella che sarà la spesa totale della bolletta annuale al 31 dicembre prossimo. 
«Siamo in attesa della fattura sui consumi del mese di settembre per stabilire l’aumento della tariffa, che sarà purtroppo inevitabile»
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: