Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, il 9 dicembre apre il pronto soccorso del San Marco

L'assessore Razza ha indicato la data nel corso di una manifestazione nel capoluogo etneo

Di Redazione

Il 9 dicembre apre il pronto soccorso dell’ospedale San Marco. Lo ha annunciato a Catania l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza a margine della presentazione del programma delle iniziative di educazione alla salute organizzate dalla Regione Siciliana in occasione della 'Giornata mondiale contro l’Aids' del primo dicembre. 
 

Pubblicità

«Io mi sono insediato nel dicembre del 2017 - ha ricordato Razza - con la protesta dei cittadini e dei comitati perché il San Marco rischiava di rimanere la più grande incompiuta del Sud Italia. Questo è l’ultimo tassello che porto a compimento, nonostante il Covid, e che restituisce certamente a questo territorio un lavoro per il quale erano state spese ingenti risorse».

Quello dell’ospedale San Marco è il quarto pronto soccorso di Catania, il primo ad essere creato ex novo. 
 «Vi faremo sapere nei prossimi giorni - ha concluso Razza - la data dell’inaugurazione, che sarà di alcuni giorni antecedente, alla quale ovviamente interverrà il presidente della Regione».

 


GIORNATA MONDIALE CONTRO L'AIDS.  Screening gratuiti sull’Hiv e le malattie sessualmente trasmissibili in tutte le province. Questa mattina al PalaRegione di Catania, l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha presentato le numerose iniziative che le Aziende sanitarie provinciali e le Aziende ospedaliere metteranno in campo su tutto il territorio della Sicilia mercoledì primo dicembre, in occasione della “Giornata mondiale contro l’Aids”.  Per accedere ai test gratuiti non occorrerà prenotarsi né presentare una ricetta medica. Sono previste inoltre attività informative in presenza e on line nelle scuole, camper e gazebo nelle piazze e nelle università e incontri nelle case circondariali. Si tratta di alcune delle tante iniziative di educazione alla salute e screening di popolazione programmate in tutta l’Isola (in allegato l’elenco delle attività nelle singole province) .  «Con un grande impegno corale - ha sottolineato l’assessore - tutte le diciotto strutture sanitarie e ospedaliere della nostra Regione, in collaborazione con l'assessorato regionale all'Istruzione e alla Formazione professionale, hanno predisposto un nutrito calendario di attività per sensibilizzare i siciliani sulle malattie sessualmente trasmissibili e sull'importanza di sottoporsi ad accertamenti preventivi. La Sindrome di immunodeficienza acquisita, come altre malattie quali la sifilide, non è scomparsa: prevenzione e conoscenza rimangono sempre le armi più efficaci per evitarne la diffusione. Saranno giornate intense, durante le quali chiunque vorrà, a titolo assolutamente gratuito, potrà andare a sottoporsi a un test, verificare la presenza di eventuali malattie, essere assistito psicologicamente, ricevere formazione, soprattutto per i più giovani».

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA