Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, muore per un malore: col consenso dei figli donati cuore, polmoni, fegato, reni e cornee

Il prelievo multiorgani è stata effettuato all'ospedale Cannizzaro 

Di Redazione

E’ stato effettuato nell’ospedale Cannizzaro di Catania un prelievo multiorgani da una persona deceduta a causa della rottura di un aneurisma celebrale. È il primo prelievo del 2022 dopo che il 2021 si era chiuso a quota 10 donatori confermando l’ospedale Cannizzaro prima struttura a Catania e tra le prime in Sicilia per numero di segnalazioni, in forte crescita rispetto al calo del 2020. 

Pubblicità

 La vittima aveva accusato un malore mentre era alla guida della sua auto: soccorsa in un primo momento da altri passanti che hanno allertato il 118, era stata trasferita in ospedale ma in breve una emorragia cerebrale l’ha portata alla morte. I suoi organi, invece, continuano a vivere in altre persone. I figli hanno detto che «quando era in vita aveva confidato di essere favorevole a donare i suoi organi. Noi abbiamo realizzato la sua volontà di essere vitale e altruista fino alla fine».

Dopo che i familiari hanno dato il consenso alla donazione, con un intervento di équipe specializzate anche di altre aziende del servizio sanitario sono stati così prelevati cuore, polmoni, fegato, reni e cornee.

«L'anno si è aperto con un nuovo significativo gesto di solidarietà - dice il direttore generale dell’Azienda Cannizzaro Salvatore Giuffrida - che ha consentito il prelievo anche di cuore e polmoni. Ringrazio i familiari della persona deceduta che, in un momento di profondo sconforto, hanno pensato alla vita di altri dando un esempio meritevole. Un plauso va a tutto il personale sanitario impegnato nell’attività di donazione, coordinata dalla referente dott.ssa Antonella Mo con la collaborazione del coordinatore infermieristico Matteo Sortino dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione. Confidiamo che anche questo 2022 possa continuare a segnare una crescita della cultura della donazione». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA