Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, oltre 35 milioni per la riqualificazione della zona industriale

La questione idrogeologia resta ancora il punto dolente. Ma intanto sono in fase di completamento le condotte idriche per l’acqua potabile e per quella industriale, opere che potranno migliorare i servizi destinati alle aziende

Di Redazione

Promosso oggi da Confindustria Catania un incontro per fare il punto sullo stato dell'arte dei lavori avviati nella zona industriale, per poi definire l'agenda dei progetti da mettere in campo.

Pubblicità

A prendere parte alla riunione anche i vertici dell'Amministrazione comunale, della Sidra, dell'Irsap e delle imprese insediare nell'area. 

"Un confronto importante con le nostre aziende - ha detto il presidente di Confindustria Catania, Antonello Biriaco - che hanno potuto interloquire direttamente con i rappresentanti di tutti gli enti competenti. Oggi più che mai, anche alla luce delle nuove opportunità che si aprono con l’istituzione della Zona economica speciale, occorre non farsi trovare impreparati. Molto è stato fatto ma tanto rimane ancora da fare. Il nostro obiettivo è mantenere alta l’attenzione delle istituzioni affinché si prosegua il proficuo lavoro già avviato con l'amministrazione comunale e si restituisca dignità e qualità a tutta l’area".

Presente anche Giuseppe Arcidiacono, assessore con delega alla Zona industriale, che ha sottolineato la valenza fondamentale di "un 'area strategica per lo sviluppo dell’Isola", e ha illustrato gli interventi messi in campo in questi anni dall’amministrazione comunale: "lavori per un importo di circa 22 milioni di euro provenienti dal Patto per Catania hanno riguardato tra l’altro il rifacimento delle strade nell’area Zic e la realizzazione degli impianti d'illuminazione. Entro il mese di ottobre l'avvio di un’altra importante tranche di opere per 10 milioni di euro, i cui lavori sono stati già aggiudicati, riguarderà il rifacimento della rete viaria di Blocco Giancata, Passo Martino e Blocco Torrazze".

La questione idrogeologia resta ancora il punto dolente. Secondo Arcidiacono, infatti, "a fronte della disponibilità di risorse finanziarie mancherebbe la definizione dei progetti".

Su questa problematica si è soffermato il presidente della Sidra, Fabio Fatuzzo, che ha rimarcato la necessità di affrontare in primis con la Regione il risanamento strutturale dell'area. 

Ma intanto - è stato annunciato - sono in fase di completamento le condotte idriche per l’acqua potabile e per quella industriale. Opere queste che potranno migliorare i servizi destinati alle aziende.

Gaetano Collura, direttore dell’Irsap, ha sottolineato "l'importanza della sinergia avviata con l’amministrazione comunale che ha consentito di ultimare l’80% dei progetti programmati nell’area con le risorse del Patto per Catania". Infine, sull'importante fronte della sicurezza della zona industriale, "è in fase di ultimazione - ha assicurato Collura - un importante progetto di videosorveglianza per un importo di 3 milioni di euro realizzato con i fondi del Pon Sicurezza". Per l’amministrazione comunale sono intervenuti alla riunione i dirigenti Fabio Finocchiaro, Salvatore Leonardi e Mario Monica. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA