Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania: sosta selvaggia in via Etnea, pronte le telecamere della zona pedonale ma primo mese senza multe

Bellavia: «Per la Ztl di piazza Bellini siamo in attesa di un parere del ministero per avviare la fase di per esercizio»

Di Cesare La Marca

Bisognerebbe videosorvegliarla metro per metro, questa città invivibile e senza regole - dal traffico al decoro urbano alla microcriminalità - e tra poco toccherà a una delle zone dove l’anarchia vige incontrastata per quanto riguarda la viabilità e non solo, l’“area pedonale” di via Etnea, la strada che scorre tra i tesori del barocco simbolo di Catania. 

Pubblicità

La strada nelle ore di punta spesso più trafficata della tangenziale, tra chi posteggia, chi carica e scarica merce, chi accompagna autorità o presunte tali, e chi prende il caffè al bar. Qui ha preso forma con l’installazione delle telecamere, ed entrerà a breve nella fase di pre-esercizio di un mese (per consentire a residenti ed esercenti di richiedere il pass digitale), il progetto di videosorveglianza dell’area pedonale da parte dell’Amts e del Comune, con telecamere per il rilevamento delle targhe di auto, moto e veicoli non autorizzati al transito. La parte centrale del progetto, in pratica, già avviato e ormai prossimo alla fase operativa a San Giovanni li Cuti, dove il mese sperimentale di pre-esercizio delle due telecamere all’ingresso e all’uscita del borgo sul mare si concluderà domenica prossima, da quando cominceranno a scattare le prime “multe elettroniche” per i veicoli non autorizzati, a fronte di una cinquantina di pass digitali richiesti all’Amts fino a questo momento. 

Sulla via Etnea, dunque, le nuove telecamere sono state appena installate in via Vittorio Emanuele a pochi metri da piazza Duomo, in piazza Università, ai Quattro Canti e in piazza Stesicoro quasi alla confluenza con il corso Sicilia, e dopo le ultime rifiniture  saranno a breve attivate d’intesa tra Amts e Comune per avviare anche qui la fase di pre-esercizio di un mese, cioè il “rodaggio” senza che siano elevate multe. «L’installazione delle telecamere è praticamente ultimata - spiega l’amministratore unico di Amts Giacomo Bellavia - e dunque entro alcuni giorni, non appena verrà emessa l’ordinanza dell’Utu potremo avviare la fase di pre-esercizio sull’area pedonale di via Etnea fino alla Villa Bellini». 

Un passaggio questo che nella seconda parte di maggio dovrebbe precedere l’ultima e non meno cruciale fase del progetto, per attivare dopo oltre una decina d’anni dal suo concepimento la videosorveglianza agli accessi di quella che avrebbe dovuto essere la cosiddetta “Ztl Bellini”, nella “zona franca” della movida senza regole attorno a piazza Bellini. «Trattandosi di una Ztl e non di un’area pedonale come via Etnea e San Giovanni li Cuti - spiega Bellavia - qui siamo in attesa di un’autorizzazione dal ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, che dovrebbe pervenire entro una decina di giorni, così da consentirci entro fine maggio di avviare il mese di pre-esercizio anche attorno piazza Bellini».      

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA