Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, il parcheggio col parco sopra: la gara da 14 milioni per risanare la “ferita” di corso Martiri

Si sblocca l'iter dell'opera propedeutica a tutta la bonifica dell'area. Via ai lavori entro l'anno

Di Cesare La Marca

Termine di presentazione delle domande il 16 luglio, apertura delle buste il 20 luglio, ed entro fine anno, salvo intoppi, San Berillo vecchio dovrebbe trasformarsi in un grande cantiere, per l’opera che di fatto “aprirà la strada” al piano di risanamento di corso dei Martiri. La svolta che ha evitato ulteriori ritardi è stata quella che ha permesso di superare il nodo del dissesto economico del Comune, per questo in difficoltà nella sua funzione di stazione appaltante dell’opera da quasi 14 milioni, ruolo che formalmente ha mantenuto ma con una delega assegnata al socio privato dell’obbligo a contrarre con il soggetto aggiudicatario delle opere, dopo parere positivo del Cda. 

Pubblicità

Questo il passaggio che ha scongiurato il blocco di un’opera che in base alla convenzione è anche propedeutica ai successivi interventi di risanamento dei privati, i più corposi nelle aree delle fosse di corso dei Martiri. 

Il bando integrale del progetto esecutivo per la realizzazione del parcheggio interrato di piazza della Repubblica e del sovrastante verde attrezzato, è pubblicato sulla piattaforma dell’Urega di Catania. L’ annuncio pubblico di inizio degli atti di gara, promosso dall’Amministrazione comunale, ha un valore di 13,874 milioni di euro, iva compresa, e conclude una complessa procedura stabilita nella convenzione urbanistica stipulata il 16 novembre del 2012, tra il Comune e i privati proprietari delle aree, a cui spetta l’onere del finanziamento, quale opera di urbanizzazione primaria. 

Il parcheggio interrato multipiano, a tre livelli, avrà una superficie interna di 10.900 metri quadri; il corrispondente verde attrezzato di 7.895 metri quadri, un vero e proprio nuovo parco cittadino, sarà realizzato secondo innovativi sistemi di valorizzazione ambientale e sostenibilità. L’aggiudicazione - specifica il Comune - avverrà con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. 

Il parcheggio multipiano da 334 posti auto avrà l’ingresso carrabile solo dalla via Luigi Sturzo. I tre livelli interrati del parcheggio auto, secondo il progetto esecutivo, saranno serviti, oltre che dalle rampe carrabili, da tre corpi scala fino all’area a verde sovrastante; fornite di ascensore e di servizi igienici per ciascun livello interrato. Il verde attrezzato sopraelevato sarà invece accessibile da piazza della Repubblica, via Reggio, via Rizzo e via Sturzo, componendo un moderno parco di circa 8 kmq che di fatto cambierà il volto della zona, con spazi per bambini, adulti e disabili e la posa in opere di rastrelliere per le bici, considerata anche la contigua pista ciclabile. Previsto anche il ripristino dello spartitraffico di corso Sicilia. 

«La pubblicazione del bando costituisce una delle scommesse di questa Amministrazione - ha detto il sindaco Salvo Pogliese -. Si tratta dell’unica grande opera pubblica prevista nell’ambito dei lavori per la riqualificazione di corso Martiri della Libertà, secondo un programma che dovrebbe finalmente rimarginare l’antica ferita prodottasi quasi settanta anni addietro. Dopo gli sforzi compiuti dalle precedenti Amministrazioni per trovare una sintesi con i privati proprietari delle aree e la conclusione di convenzioni e protocolli di legalità - ha aggiunto il sindaco - abbiamo provato a imprimere un’accelerazione, ma purtroppo il dissesto ci ha obbligati a rivedere le intese raggiunte con le prime conferenze dei servizi. Un obiettivo raggiunto grazie al costante lavoro sinergico delle direzioni Urbanistica, Patrimonio e Lavori pubblici, alla supervisione dell’assessore Enrico Trantino e del prof. Felice Giuffrè e alla collaborazione del dott. Aldo Palmeri e dell’avv. Andrea Scuderi, in rappresentanza dei soci privati: con una collaborazione costruttiva siamo riusciti a ovviare ai problemi insorti e a inviare finalmente il bando all’Urega. Si compie, così, il primo passo verso la città che si proietta nel futuro». 

«L’area in questione nel cuore del vecchio San Berillo - ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Enrico Trantino, che ha seguito l’intero iter che ha portato alla pubblicazione del bando - appena il Consiglio comunale approverà il nuovo Piano per il Centro storico, già in fase di pubblicazione all’albo pretorio, potrà finalmente porsi come un nucleo attrattivo della città e guarire antiche cicatrici che per troppo tempo hanno sfregiato il cuore pulsante del nostro tessuto urbano. La realizzazione del parcheggio, interrato e con un’ampia superficie a verde, eseguito con le somme messe a disposizione dai privati a scomputo degli oneri di urbanizzazione, prevede per l’aggiudicazione punteggi assegnati in ragione di precise migliorie, in modo da rendere ancora più funzionali le zone circostanti. Ci siamo scommessi anche su quest’opera. Adesso - ha concluso Trantino - confidando in una rapida procedura di gara, auspichiamo venga messa la prima pietra, da considerare solo l’inizio di quel progetto di straordinaria bellezza redatto dall’architetto Mario Cucinella e il simbolo di una palingenesi attesa per oltre cinquanta anni». 

Verranno premiate, ai fini dell’aggiudicazione dell’appalto, le offerte che comprendono la realizzazione di sistemi digitali di controllo degli stalli tramite app e dai punti nevralgici della città; l’ installazione di un sistema di videosorveglianza per le strade contigue del vecchio San Berillo, aggiuntivo a quello interno all’area di parcheggio, per il controllo delle vie limitrofe con sistema di rilevazione delle targhe; l’utilizzo di un sistema di alimentazione green a energia solare; impianti di illuminazione a led e la manutenzione decennale degli impianti del parcheggio e del parco urbano. In una nota, il segretario della Cifa Catania, Gaetano Benincasa, rileva che «questo bando è una occasione per creare occupazione sia per i lavori del parcheggio che in prospettiva per l’intero San Berillo».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA