Notizie locali
Pubblicità

Catania

Comuni, anche Pogliese a Roma: «Non chiediamo prebende, ma strumenti per governare»

Il primo cittadino di Catania ha partecipato ad una manifestazione organizzata insieme a tutti i suoi colleghi siciliani

Di Redazione

«Nel giorno in cui il Senato ha votato il disegno di legge che riconosce il valore costituzionale dell’insularità per Sicilia e Sardegna a Roma con un centinaio di sindaci di ogni schieramento politico abbiamo rappresentato le ragioni del buon governo dei Comuni dell’Isola, duramente provati da vincoli e impedimenti che ne rallentano l'azione». Lo ha detto il sindaco di Catania Salvo Pogliese dopo aver partecipato a Palazzo Chigi, a Roma, ad una manifestazione dei sindaci siciliani. Pogliese ha anche fatto parte ad una delegazione di primi cittadini che ha incontrato il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e i rappresentanti del governo Draghi.

Pubblicità

"Al presidente del Senato Alberti Casellati, al vicepresidente della Camera Fabio Rampelli ai Ministri Gelmini Lamorgese e al viceministro Laura Castelli - ha detto Pogliese - abbiamo rappresentato oggettive esigenze organizzative per non fermare lo sviluppo della Sicilia: nuove unità di personale tecnico e specializzato per i Comuni, maggiori flessibilità nell’adozione degli strumenti economico-finanziari, il recupero dei tributi pregressi con nuovi meccanismi nella lotta all’evasione tributaria grazie al passaggio da Riscossione Sicilia ad Agenzia per le Entrate". «Non siamo andati nella Capitale con il cappello in mano a chiedere prebende - ha aggiunto Pogliese - ma a pretendere strumenti per governare nell’interesse della collettività. Auspichiamo che il Governo intervenga per concretizzare queste proposte, necessarie a ridare valore e orgoglio alla fascia tricolore che ogni giorno indossiamo nella frontiera dei bisogni delle nostre città di Sicilia, della nostra gente a cui dobbiamo dare coraggio e speranza per sentirci ancora più italiani, tutti figli dell’Italia una e indivisibile».

«Come ministero dell’Economia, insieme al ministro dell’Interno Lamorgese, abbiamo incontrato i Comuni siciliani. Da parte nostra c'è il massimo impegno per sostenere la situazione finanziaria contingente. Siamo già a lavoro per trovare le soluzioni più adeguate», ha sintetizzato il viceministro all’Economia, Laura Castelli, al termine dell’incontro con la delegazione di Anci Sicilia. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA