Notizie locali
Pubblicità

Catania

Etna, sensori anche in grotte più remote per "spiare" il vulcano

 Il progetto Etna-Net di Ingv, StMicroelectronics e dell'università di Catania ha preso il via nella grotta Micio Conti

Di Redazione

Osservare e monitorare i vulcani anche nei luoghi difficilmente accessibili, come le aree impervie dell’Etna e all’interno delle grotte di scorrimento lavico. Da oggi, spiega l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è possibile grazie a una rete di sensori per il monitoraggio di grandezze fisiche in luoghi difficilmente più remoti. Il progetto Etna-Net di Ingv, StMicroelectronics e l'università di Catania ha preso il via nella grotta Micio Conti, che si trova nella Riserva naturale integrale «Complesso Immacolatelle e Micio Conti» gestita dall’ateneo, dove è stato installato un kit di monitoraggio.

Pubblicità

 

Il progetto Etna-Net è stato illustrato, tramite un video, all’edizione 2021 della Maker Faire Rome, la fiera che unisce scienza, tecnologia, innovazione, con la descrizione del monitoraggio di parametri ambientali e geofisici per la ricerca scientifica in ambienti tanto significativi quanto critici per la trasmissione dei dati e per la gestione dell’alimentazione.

 

 

"Il video - spiegano Alessandro Bonforte e Roberto Maugeri dell’Ingv e Rosario Catania di St - mostra l’utilizzo di un kit di trasmissione a radiofrequenza con tecnologia LoRa (Long Range) prodotto da St, composto da una scheda che fa da Nodo, che contiene i sensori e il modulo di trasmissione dati, e una scheda che fa da Gateway, che riceve questi dati e li immette in una rete cablata Lan e anche su internet se viene collegata ad un modem. Questo sistema - osservano - offre grandi potenzialità per creare infrastrutture che possono sostenere la comunicazione di tanti sensori dislocati anche a distanza tra loro e in zone remote o non facilmente accessibili». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: