Notizie locali
Pubblicità

Catania

Fa il bagno col mare in burrasca, muore un tunisino salvo per miracolo il fratello

Il cadavere ritrovato ieri sera dai sommozzatori dei vigili del fuoco

Di Antonio Carreca 

Un giovane tunisino è morto nello specchio d’acqua di S. Maria La Scala: il corpo cercato dalle 15,30 è stato ritrovato ieri sera. 
La speranza di trovare vivo Boughouraf Achref, il 27enne tunisino inghiottito ieri pomeriggio dalle onde del mare agitato di Santa Maria La Scala, si sono affievolite col trascorrere delle ore fino a spegnersi del tutto nel tardo pomeriggio quando i sommozzatori hanno recuperato il cadavere.
L’uomo, proveniente da una comunità alloggio calabrese, aveva raggiunto in visita il fratello, anch’egli ospite di un centro di accoglienza acese e, pur non sapendo nuotare, assieme a lui aveva deciso intorno alle 15,30 di compiere un tuffo nel tratto di mare antistante la scogliera nella zona del mulino. Le condizioni del mare hanno subito messo in difficoltà i due, che hanno iniziato a urlare; le richieste di aiuto hanno attirato l’attenzione di un passante che si è gettato in acqua ed è riuscito a trarre in salvo il fratello della vittima.
Nulla da fare, invece, per lo sfortunato 27enne, visto che la risacca ha creato un effetto mulinello, impedendogli il rientro a riva.
 Sono subito scattate le ricerche, coordinate dalla sala operativa dell’11° Centro Secondario di Soccorso Marittimo della Guardia Costiera di Catania, che hanno visto in azione personale e mezzi oltre che della stessa Guardia Costiera, anche dei Vigili del Fuoco e della Guardia di Finanza. Ricerche che si sono protratte per diverse ore fino all’esito drammatico.
Il corpo è stato ritrovato a circa dieci metri di profondità, incastrato tra gli scogli, dai sommozzatori dei vigili del fuoco del distaccamento di Reggio Calabria giunti con un elicottero. Riportato a terra il cadavere è stato trasportato in ambulanza all’obitorio. In stato di choc il fratello del giovane, che è stato sentito dagli uomini del commissariato di Acireale per ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA