Notizie locali
Pubblicità

Catania

Il Comune: "Vogliamo trasformare l'Empire in una casa della musica"

La Giunta scrive all’Agenzia per i beni confiscati alla mafia per poter riutilizzare l’ex discoteca

Di Redazione

Da locale notturno e ristorante alla moda gestito da soggetti considerati vicini alla mafia catanese, a centro giovanile aperto al territorio, di impulso culturale, sociale e civile con finalità prevalentemente musicali. E’ il progetto dell’amministrazione comunale per l’Empire di via Zolfatai, nei pressi di viale Africa, oggetto di provvedimento di confisca, divenuto definitivo il 19 luglio del 2017 con sentenza della Corte di Cassazione che il Comune vorrebbe fare diventare “Casa della Musica” per i giovani di Catania. 

Pubblicità

La giunta comunale presieduta da Roberto Bonaccorsi ha deliberato, su proposta dell’assessore ai Beni confiscati Michele Cristaldi, di partecipare con una propria manifestazione d’interesse all’avviso dell’Agenzia nazionale per i beni confiscati, sede di Reggio Calabria, per utilizzare a scopi sociali e formativi uno dei locali più frequentati dai catanesi prima della sua confisca e sottrazione agli interessi criminali.
La richiesta del Comune all’Agenzia nazionale dei Beni confiscati è già stata inviata; l’immobile dell’ex Empire si presenta in buone condizioni, con ampi e curati spazi interni e moderni sistemi di insonorizzazione. 

 


«Inserire nel  circuito di produzione di valori sociali ed etici un bene così importante ha un significato straordinario per l’alto valore simbolico che assume nel contrasto alla criminalità organizzata  - ha spiegato l’assessore Michele Cristaldi -. Non potevamo lasciarci sfuggire l’opportunità di realizzare un progetto di ampio respiro che coinvolgerà enti e istituti che nel perseguire finalità educative svolgono attività curriculari  ed extracurriculari come quelle del liceo musicale e del liceo coreutico. Il progetto di utilizzo come Casa della Musica per i nostri ragazzi di un bene confiscato di grande valenza come l’ex Empire  è un obiettivo che nei mesi scorsi era stato oggetto di confronto con il sindaco Salvo Pogliese; un’idea immediatamente recepita dal sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi che, appena si è presentata l’occasione  offerta dall’Agenzia nazionale dei beni confiscati, ha sostenuto l’iniziativa di provare ad acquisire l’immobile al patrimonio indisponibile del Comune di Catania».
In dettaglio il progetto del Comune è finalizzato «a consentire ai giovani che frequentano i licei a indirizzo musicale ma anche a coloro che hanno scelto indirizzi diversi, di sperimentarsi attraverso la musica in un ambiente di fiducia, rafforzando così l’identità del gruppo».

 

L’immobile di via Zolfatai, che ha una superficie di oltre 1.100 metri quadrati, articolata su due livelli, secondo i piani dell’amministrazione dovrebbe ospitare anche un percorso di formazione finalizzato alla diffusione della cultura musicale, per fare diventare la musica uno spazio di opportunità e di possibilità per gli studenti delle scuole di tutta la provincia di Catania, fino all’organizzazione di eventi in cui gli stessi studenti avranno modo di esibire le proprie doti musicali.
«Grazie alla collaborazione tra i diversi enti - ha specificato l’assessore Cristaldi - si vuole offrire ai giovani  percorsi gratuiti e opportunità concrete di suonare e imparare insieme, con una particolare attenzione verso le categorie più svantaggiate che da un’attività di condivisione, partecipazione e socializzazione potranno trarre maggiori benefici. Fare musica rappresenta infatti un’importante occasione di crescita non solo culturale, ma anche sociale ed educativa: l’Empire vuole essere la casa di chi crede in questi valori». 


Un altro immobile che il Comune ha richiesto all’Agenzia nazionale per i beni confiscati è quello di via Lentini 5, un appartamento di tre vani sottratto alla mafia per destinarlo a  fini sociali. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: