Notizie locali
Pubblicità

Catania

Il sottopasso, il tamponamento, lo sportello aperto: così è morto a Catania il motocilista 32enne Salvatore Capuano

E' successo vicino a Porte di Catania.  Il centauro ha urtato contro la portiera di un'auto che s’era scontrata con un altro mezzo ed è finito sotto un’autobotte in transito

Di Vittorio Romano

Contiamo purtroppo l’ennesima vittima di un incidente stradale che ieri, alle 13 circa, ha avuto esito mortale per un catanese di 32 anni, Salvatore Capuano. Teatro della tragedia è stato il viale Angelo Aiello, che dal centro commerciale Porte di Catania, alle spalle dell’Asse dei servizi, porta verso la base elicotteri di Maristaeli.

Pubblicità

Questa la dinamica del sinistro, così come ce l’hanno spiegata dalla sala operativa del comando della polizia municipale di piazza Spedini: c’è stato, per cause ancora al vaglio dei vigili, intervenuti tempestivamente sul posto con un paio di pattuglie del servizio Infortunistica, un tamponamento abbastanza violento tra due automobili che percorrevano quella strada. 

La vittima, che procedeva a bordo della sua moto, non è riuscita a evitare l’impatto con una delle due macchine coinvolte nell’incidente (avvenuto in un sottovia lungo circa 200 metri), andando a sbattere violentemente contro lo sportello che era stato appena aperto dal conducente. 

Dopo l’urto, l’uomo, ancora in sella alla moto, è finito sotto un’autobotte che arrivava in quel momento in senso opposto. Pare che sia morto sul colpo.

Quando  è giunta l’ambulanza del 118,  chiamata dagli occupanti dei mezzi coinvolti (nessuno sembra sia rimasto ferito in modo preoccupante), i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del trentaduenne.

Gli agenti di polizia locale hanno informato il magistrato di turno della Procura distrettuale della Repubblica, che s’è recato sul posto. Questi, dopo aver constatato le cause del decesso e la dinamica dell’incidente, ha deciso che la salma della povera vittima venisse riconsegnata ai familiari, nel frattempo avvertiti e giunti sul luogo della tragedia.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: