Notizie locali
Pubblicità

Catania

Morto Carlo Lungaro, fu presidente a Catania dell'ex Amt

Tra i tanti messaggi di cordoglio quello di Enzo Bianco che lo volle al suo fianco nel 1994, nella sua prima sindacatura con l’elezione diretta

Di Redazione

E’ morto, dopo alcuni mesi di malattia, Carlo Lungaro, figlio del partigiano trapanese Pietro Ermelindo Lungaro, fra i 335 uccisi il 24 marzo 1944 a Roma dai nazisti nell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Numerosi i messaggi di cordoglio, tra i quali quello dell’ex sindaco di Catania, Enzo Bianco. "Provo un grande dolore per la dipartita di Carlo Lungaro - dichiara Bianco -. Un vero amico, un grande professionista. Un ottimo manager che chiamai al mio fianco nel 1994, nella mia prima sindacatura con l’elezione diretta, per riorganizzare il trasporto pubblico a Catania. I risultati furono eccezionali, portammo l'Azienda da una perdita di circa 35 miliardi di lire ad un sostanziale pareggio nel 1996. Ristrutturammo e rilanciammo l'Azienda che poi venne tasformata in "Azienda Speciale". 

Pubblicità

"Rimase al mio fianco fino al 2000 e lo richiamai nel 2013 per completare il percorso e rilanciare l’Azienda che nel contempo era andata incontro a tantissime difficoltà - aggiunge Enzo Bianco -. Un talento eclettico, capace di fare grandi cose anche nel mondo dello sport. Di Carlo, oltre alla grande professionalità ricordo il rigore morale e lo spessore umano, certamente derivante dall’eredità lasciategli dalla figura del papà, Pietro Ermelindo, vicebrigadiere di P.S. antifascista e partigiano, martire delle Fosse Ardeatine. Carlo parlava spesso della memoria lasciata dal genitore che permeava la tradizione di famiglia. Al fratello Pietro ed ai familiari tutti le mie più sentite condoglianze".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: