Notizie locali
Pubblicità

Catania

Traffico impazzito a Catania, Circonvallazione paralizzata: automobilisti intrappolati per un cantiere

I lavori per i nuovi cavi elettrici all'altezza del viale Vittorio Veneto hanno mandato in tilt la viabilità

Di Redazione

In Sicilia le scuole non sono ancora cominciate, l'anticiclone africano sta regalando gli ultimi scampoli di caldo, ma per gli automobilisti a Catania sono già giornate di passione. E in migliaia oggi sono rimasti intrappolati sulla Circonvallazione della città a causa di lavori stradali per la posa di cavi che dovevano essere realizzati con ridotto impatto sulla viabilità ma che in realtà hanno letteralmente bloccato la circolazione in buona parte della città. Sì, perché sulla Circonvallazione confluiscono strade da diversi quartieri di Catania e perché con il sistema dei tornaindietro l'arteria si blocca facilmente in entrambe le direzioni per il “principio dei vasi comunicanti”.

Pubblicità

Dalle prime ore del mattino sino alle 10,30 è stato il caos totale. A causare l'“inferno” è stato soprattutto un cantiere all'altezza del viale Vittorio Veneto. Si tratta dei lavori di Terna -  la società che gestisce la rete elettrica nazionale - per la nuova linea dell’alta tensione tra le cabine “Catania est” di piazza Galatea e “Catania nord” di viale Marco Polo.  I lavori di scavo per la sostituzione dei vecchi cavidotti sono in corso da diversi tempo al viale Vittorio Veneto per il nuovo collegamento interrato da 150 kilowatt sull’elettrodotto di 3,1 chilometri tra le cabine primarie “Catania Est” e “Catania Nord” che saranno terminati entro l’anno. 

Terna e il Comune di Catania avevano fatto un piano per limitare i disagi, ma negli ultimi giorni qualcosa è andato storto e oggi la città è nel caos. Anche ieri c'erano stati disagi ma più contenuti. Il cantiere ha infatti messo a dura prova la viabilità su uno snodo nevralgico quale l’accesso in città attraverso il viale Vittorio Veneto. Con gli automobilisti che sono rimasti davvero intrappolati sulla circonvallazione in direzione Ognina, sotto un sole cocente, senza assistenza, senza un vigile urbano nel raggio di chilometri. Chilometri di coda dove pure i ciclisti hanno avuto difficoltà a muoversi nel groviglio di auto. E nemmeno i mezzi di soccorso sono riusciti a "guadare" il fiume di auto, tra guidatori esasperati e clacson impazziti. 

Una migliore pianificazione del cantiere e un'ipotesi di lavori notturni sarebbero stati molto graditi dagli utenti della strada. Ma forse a Catania è chiedere troppo.

Intorno alle 10,30 lo scavo che taglia la Circonvallazione è stato chiuso con dei provvisori “tappi” metallici e il fiume di auto ha potuto riprendere a scorrere anche se ancora molto lentamente.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA