Notizie Locali


SEZIONI
Catania 24°

Carabinieri

Palagonia, una banale discussione sfocia in tentato omicidio: due denunciati

La vittima è riuscita a fuggire dopo aver preso la macchina del suo aggressore

Di Redazione |

I Carabinieri di Palagonia, a seguito di una lite, scaturita all’ingresso di un bar di via Palermo tra due avventori, hanno denunciato due uomini di 25 e 39 anni per porto e detenzione abusiva di armi. Il primo è indagato anche per tentato omicidio ed il secondo per furto aggravato.

L’episodio

Tutto si è verificato nella tarda serata intorno alle 22.00 quando il 25enne, a bordo della sua Fiat Bravo, si era fermato dinnanzi al bar dove, dopo un breve scambio di battute con un altro cliente di 39 anni, forse a causa di una banale incomprensione, era scaturita la lite.   Dopo le parole, i fatti: il diverbio è sfociato in uno scontro fisico tra i due, culminato con una coltellata, sferrata dal più giovane al collo dell’altro. Quest’ultimo, solo grazie ad un repentino movimento, è stato colpito solo di striscio, riportando comunque una vistosa ferita che, però, avrebbe potuto rivelarsi mortale se avesse leso la vena giugulare.

Il ferito, però, è riuscito comunque a mettere in fuga il suo aggressore e, dopo aver rotto il lunotto posteriore della Fiat Bravo di quest’ultimo, è salito a bordo e, approfittando che l’auto aveva ancora le chiavi inserite, ha messo in moto e si è allontanato, per poi abbandonare il mezzo in piazza Umberto, dove poi è stato ritrovato dal proprietario. Solo dopo alcune ore il 39enne si è recato presso l’ospedale di Militello in Val di Catania dove i medici, suturata la ferita, gli hanno spiegato il grave pericolo scampato.

La ricostruzione

Immediati sono stati gli accertamenti esperiti dai Carabinieri che, giunti sul posto a seguito delle segnalazioni pervenute sul 112, hanno visionato le immagini degli impianti di videosorveglianza, raccolto le dichiarazioni di alcuni testimoni, risalendo così all’esatta dinamica degli eventi.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA