Notizie Locali


SEZIONI
Catania 28°

contrasto alla criminalità

Paternò, in una casa di campagna trovato un fucile semiautomatico. In manette 77enne

Controlli dei carabinieri. L'uomo nascondeva fucile e munizioni in contrada Schettino

Di Redazione |

I Carabinieri della Compagnia di Paternò, supportati dal 12° Battaglione “Sicilia”, sono stati impegnati in un servizio a largo raggio finalizzato al contrasto alla criminalità diffusa e, in particolare, al possesso illegale di armi e hanno arrestato un uomo di 77 anni, cacciatore, per detenzione illegale di armi e munizioni.  

Le attività di controllo, effettuate in Contrada Schettino, agro di Paternò, hanno interessato diversi casolari di campagna e, in uno di questi, di proprietà di un 77enne catanese, i militari hanno rinvenuto, sparse sul terreno, numerose cartucce di fucile cal.12 già esplose.

Addentrandosi nella proprietà, i Carabinieri si sono imbattuti in un rudere nel quale era insolitamente stata saldata al muro una cassaforte. Dopo averla aperta, i militari hanno scoperto che conteneva armi da caccia legalmente detenute, ma trasferite in quei luoghi senza alcuna autorizzazione. L’uomo, infatti, residente nel quartiere Librino di Catania, avrebbe dovuto conservarle presso il luogo di residenza e non spostarle senza aver prima ricevuto l’autorizzazione. Per tale ragione, nei suoi confronti sono stati assunti provvedimenti di natura amministrativa.

Nel continuare a setacciare la vasta area, i militari si sono imbattuti in un’altra struttura rurale, sempre nella disponibilità dello stesso cacciatore, all’interno della quale, su di una tavola in legno adoperata come controsoffitto, hanno rinvenuto un fucile monocanna semiautomatico marca “Breda” cal. 12 con matricola abrasa e 16 cartucce a pallini cal. 12.

Il fucile, pronto all’uso e in ottimo stato di manutenzione, è risultato illegalmente detenuto dal proprietario del fondo agricolo, il quale non ha saputo fornire alcuna spiegazione in merito alla presenza di quell’arma. Sia il terreno, che i ruderi erano recintati e chiusi con dei lucchetti, le cui chiavi erano in esclusivo possesso del 70enne, che, quindi, è stato arrestato, mentre l’arma e il relativo munizionamento sono stati sequestrati, per essere successivamente sottoposte presso il RIS di Messina agli accertamenti tecnici di laboratorio, soprattutto al fine di verificare se il fucile sia mai stato utilizzato in fatti delittuosi.  COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA