Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

"Il vaccino rende liberi" stile Auschwitz bufera su prof Università di Palermo

Ganfoldo Dominici, docente di Scienze economiche, aziendali e statistica ha commentato un post del segretario del Pd Enrico Letta associando il vaccino al lager nazista. 

Di Redazione

Un fotomontaggio con la scritta "Il vaccino rende liberi» sul tristemente noto cartello d’ingresso al campo di concentramento di Auschwitz sta provocando polemiche nel mondo accademico e non solo. L’autore è il professore associato Ganfoldo Dominici, docente di Scienze economiche, aziendali e statistica dell’Università di Palermo, che ha commentato un post del segretario del Pd Enrico Letta associando il vaccino al lager nazista. 
 Al post di Letta, che definiva il vaccino una scelta di libertà, il docente - che ha pubblicato diversi commenti critici contro i vaccini e la gestione della pandemia da parte del governo - ha risposto con la foto dell’ingresso del campo di Auschwitz , sostituendo la scritta «Arbeit Macht Frei» (il lavoro rende liberi) con la frase «il Vaccino rende liberi». Nel suo profilo twitter il professore rimanda ad un canale Telegram con 210 iscritti dove si rilanciano le tesi contro i vaccini e il green pass. 

Pubblicità


 Immediata la reazione del rettore uscente dell’ateneo, Fabrizio Micari: «Mi dissocio in maniera netta e completa da quanto pubblicato su un social network da un docente dell’Ateneo. L’associazione del vaccino contro il Covid al motto dei campi di sterminio nazisti è totalmente inopportuna e gravemente offensiva. Per quanto l’Università sia un luogo aperto alla libertà di pensiero e di dibattito appare intollerabile e raccapricciante la strumentalizzazione di una delle pagine più drammatiche della storia per esprimere una personale posizione. L’Ateneo seppure nel rispetto delle opinioni - conclude il Rettore - stigmatizza tale modalità di espressione, estremamente lontana dallo spirito accademico di diffusione di un pensiero responsabile, basato sull'oggettività e sulla conoscenza». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: