Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus: nel Ragusano mancano i nuovi posti di Terapia intensiva, sindaci scrivono a Razza

Covid-19

Covid, in Sicilia il tasso di mortalità è più del doppio della media del Paese

Nell'isola il rapporto tra decessi e popolazione è dello 0,85% rispetto a un valore di 0,38% a livello nazionale

Di Redazione

Continua il calo dell’incidenza settimanale del Covid nella popolazione: negli ultimi 7 giorni è risultata pari a 25 ogni 100.000 residenti, in calo rispetto ai dati del 4 ottobre, pari a 30 ogni 100.000 residenti. La Sicilia è la regione con la mortalità (rapporto tra decessi e popolazione) più elevata (0,85%), seguita da Toscana (0,65%) e Basilicata (0,55%), rispetto a un valore di 0,38% a livello nazionale. E’ quanto emerge dal report settimanale dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica (Altems), Facoltà di Economia, campus di Roma. 
 Per quanto riguarda la letalità (rapporto decessi su positivi) nell’ultima settimana il dato più elevato si registra in Umbria pari a 4,47 x 1.000 e in Puglia pari a 4,22 x 1.000, nonostante siano ben lontani dal valore massimo registrato a marzo; la letalità grezza apparente, a livello nazionale, è pari al 2,20 per 1.000 in leggero aumento rispetto ai dati del 4 ottobre (2,18 x 1.000). 

Pubblicità

Diminuiscono poi i nuovi ingressi settimanali in terapia intensiva. Il valore medio registrato nel contesto italiano è pari a 0,22 x 100.000 ab. in calo rispetto ai dati del 4 ottobre (pari a 0,26). Le regioni che hanno evidenziato più ingressi nel setting assistenziale della terapia intensiva durante l’ultima settimana sono il Friuli-Venezia Giulia (0,42 x 100.000 ab.), la P.A. di Bolzano (0,37 x 100.000 ab.) e la P.A. di Trento (0,37 x 100.000 ab.).

All’11 ottobre, nota il rapporto Altems, tutte le regioni registrano tassi di saturazione, sia in riferimento ai posti letto di Terapia Intensiva che di Area Non Critica, al di sotto delle rispettive soglie del 10% e 15%. 

 Passando alle vaccinazioni, la media nazionale (che considera la fascia di età maggiore di 12 anni) è pari al 82%. Sulla terza dose, il Molise si conferma la regione che ne ha somministrate il maggior numero (176,90/100.000) mentre la Valle d’Aosta è la regione in cui tale somministrazione riporta il valore più basso (0,04/100.000). La copertura per gli over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale è più alta in Lombardia (74,6%) mentre la P.A. di Bolzano è fanalino di coda (59,9%). In Italia il 70,6% della popolazione risulta totalmente immunizzata. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA