Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Dal 1° marzo quarta dose ai fragili, in Sicilia sono 33 mila

Il super booster rivolto alla platea di soggetti con «marcata compromissione della risposta immunitaria»

Di Redazione

E’ pari a 889.999 persone la platea dei soggetti con «marcata compromissione della risposta immunitaria» che riceveranno, dal primo marzo, la quarta dose vaccinale booster contro Covid-19. Il dato è indicato nella 
tabella allegata alla circolare sull'avvio della 'somministrazione della dose di richiamo ("booster") nei 
soggetti con marcata compromissione della risposta immunitaria che hanno già ricevuto una dose addizionale a completamento del ciclo vaccinale primario nell’ambito della campagna vaccinale 
anti SarsCoV2'. Il provvedimento è firmato dal commissario all’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo.  

Pubblicità

La circolare invita le Regioni a verificare i dati sulla platea di soggetti fragili segnalati alla Struttura commissariale lo scorso settembre. Questi i dati relativi al numero di soggetti fragili comunicati dalle Regioni: Abruzzo 20.000; Basilicata 21.594; Calabria 38.000; Campania 51.905; Emilia Romagna 53.217; Friuli Venezia Giulia 14.836; Lazio 75.000; Liguria 8.503; Lombardia 134.359; Marche 63.098; Molise 7.055; PA Bolzano 5.240; PA Trento 8.500; Piemonte 52.911; Puglia 155.641; Sardegna 15.000; Sicilia 33.040; Toscana 35.000; Umbria 10.922; Valle d’Aosta 14.027; Veneto 72.151. 


 Dall’1 marzo, si legge, sarà possibile somministrare un’ulteriore dose di vaccino come richiamo ("booster") a «tutti i soggetti in argomento di età pari o superiore a 12 anni, che abbiano già completato il ciclo vaccinale primario con tre dosi (di cui la terza addizionale), dopo un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 giorni) dalla dose addizionale stessa». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: