Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Covid Sicilia, per assessorato alla Salute posti letto in linea e non aumentati

La precisazione della Regione Siciliana ad una pubblicazione de "Il Manifesto"

Di Redazione

«Il quotidiano "Il Manifesto" ritiene che la Regione siciliana abbia artatamente aumentato il numero dei suoi posti letto nella diversa intensità di cure. Sarebbe stato sufficiente informarsi, se si vuole escludere la malafede, e avrebbero appreso che in questo momento la Regione ha impegnato un numero inferiore di posti letto rispetto a quelli indicati a marzo (con una commissione ispettiva ministeriale presente nell’Isola che ha verificato le terapie intensive) e che, esattamente come tutte le Regioni italiane, ha adottato nel confronto con il ministero della Salute tutte le linee guida vigenti».

Pubblicità

Lo precisa l’assessorato della Salute della Regione Siciliana. "Il governo della Regione Siciliana - si sottolinea - è quello che ha previsto e continua a prevedere costanti misure di contenimento, talvolta più restrittive di quelle nazionali. Non abbiamo mai allontanato le restrizioni, semmai anticipate. Questa disattenzione che diventa sempre più incomprensibile contro la Sicilia è disancorata dalla realtà, tenuto anche conto che in area medica, a differenza di altre Regioni, la nostra dotazione di posti letto è in linea con le dotazioni organiche e che ogni settimana vengono costantemente consegnati reparti realizzati dalla struttura commissariale. Quanto al numero complessivo dei medici impegnati, per la Sicilia - chiosa l'assessorato regionale della Salute - valgono le stesse regole che utilizzano tutte le Regioni, con l’aggiunta di una importante attività di reclutamento che ha consentito di recuperare di recente oltre duecento anestesisti con il più riuscito concorso pubblico a tempo indeterminato». 

«Ho letto con sorpresa le polemiche di queste ore. Con una epidemia che cresce nei contagi, ritornare alle disponibilità ospedaliere del mese di marzo significa solo rispondere al criterio della precauzione. Abbiamo un sistema di monitoraggio, previsto dal decreto legge varato dal governo, che individua parametri per l’adozione di misure di contenimento». Lo afferma l’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza sulla situazione epidemiologica in Sicilia. Chi è stato in giro in Sicilia in queste settimane - aggiunge - non penso sia meravigliato dalla crescita dei contagi. E se in tanti, troppi, non hanno aderito alla campagna di vaccinazione i risultati sono riversati nella occupazione dei posti letto da parte dei soggetti non vaccinati. A loro occorre fare appello, perché non bisogna mai temere una restrizione, né allontanarla. Le decisioni sono lo specchio della condizione obiettiva che si vive in un territorio e fare finta di nulla sarebbe inutile. Bisogna invece convincere - conclude Razza - chi non è ancora convinto, perché vaccinarsi e rispettare le regole di comportamento è la scelta più saggia che si possa compiere». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: