Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Speranza: «La pandemia non è finita e per l'autunno forse nuovo vaccino contro le varianti»

Il ministro della Salute, ai microfoni di Sky TG 24, torna anche sull'uso delle mascherine, ancora obbligatorie in alcuni luoghi

Di Redazione

"Guai a pensare che la pandemia sia scomparsa, la circolazione è ancora piuttosto elevata e dobbiamo tenere un elemento di attenzione. Le mascherine restano uno strumento da considerare quando questa serve, e poi ci sono i vaccini: abbiamo voltato pagina grazie al fatto che il 90% degli italiani ha concluso il ciclo primario". Lo ha detto Roberto Speranza, ministro della Salute, intervistato da Sky TG 24. "Dobbiamo insistere con le terze dosi, la mia raccomandazione è quella di farla - sottolinea -. Abbiamo individuato alcune categorie per cui è raccomandato un secondo booster: a tutte le persone che hanno superato gli 80 anni, quelle che vivono in una Rsa e a quella tra 60-79 anni che hanno fragilità. "L'auspicio dell’autorità scientifica a livello internazionale e che in autunno potremmo avere un nuovo vaccino" anti-Covid "adattato alla variante Omicron" di Sars-CoV-2. "Non abbiamo ancora date certe scritte sul calendario, ma l'ipotesi prevalente è che in autunno, ci auguriamo per l’inizio" della stagione, "potremmo avere un vaccino adattato alle nuove varianti" del virus. E "qualora questo fosse vero, noi immaginiamo di poter offrire questo vaccino anche a una fascia di popolazione molto più larga".

Pubblicità

Il ministro della Salute ha poi raccomandato: «Usiamo la mascherina in tutte le occasioni in cui c'è un rischio di contagio». «In alcuni casi c'è un obbligo di legge della mia ordinanza perchè i rischi sono molto più significativi», ristretti a trasporti, "dove le presenze sono in forte crescita", mondo della sanità e tutti i luoghi al chiuso dove si svolgono eventi di sport e spettacolo. Per i luoghi di lavoro, precisa Speranza, non c'è un obbligo normato ma «le organizzazioni di rappresentanza hanno scelto di mantenere i Protocolli vigenti che indicano l’uso della mascherina come corretto». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA