Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Vaccini, dose booster efficace anche per chi ha ricevuto il monodose Johnson

È quanto emerge da una ricerca coordinata dall’Erasmus Medical Center di Rotterdam pubblicato sul New England Journal of Medicine. 

Di Redazione

Per chi si è sottoposto alla vaccinazione contro Covid-19 con una singola dose di vaccino Johnson&Johnson, la dose booster alza sostanzialmente i livelli di protezione. Il richiamo è leggermente più efficace se viene effettuato con un vaccino a mRNA. È quanto emerge da uno studio coordinato dall’Erasmus Medical Center di Rotterdam pubblicato sul New England Journal of Medicine. 
 

Pubblicità

La ricerca ha coinvolto 461 operatori sanitari che avevano effettuato la vaccinazione a dose singola con il prodotto Johnson e che, dopo circa tre mesi, hanno fatto il richiamo con lo stesso vaccino, con il prodotto Moderna o con quello Pfizer-BioNTech. I volontari sono stati sottoposti a esami del sangue 28 giorni dopo il richiamo per misurare la risposta alla vaccinazione in termini di anticorpi e linfociti T.

Il primo dato emerso è la sicurezza della vaccinazione eterologa: chi aveva effettuato il richiamo con i vaccini a mRNA (specie Moderna) soffriva di effetti collaterali leggermente più severi, ma non gravi e che in in genere si sono risolti nell’arco di 48 ore. Quanto all’efficacia, la dose booster ha mostrato di aumentare in maniera importante la risposta immunitaria. I valori sono risultati più alti se il richiamo veniva effettuato con i vaccini a mRNA (in particolare Moderna). 

Sullo stesso numero della rivista americana, un secondo studio delle autorità sanitarie del Qatar, ha condotto un confronto testa a testa sull'efficacia di due dosi dei vaccini a mRNA (Pfizer-BioNTech e Moderna) nel prevenire l’infezione da SARS-CoV-2. Entrambi hanno mostrato un’alta capacità delle due dosi di prevenire sia le infezioni, sia i casi severi di malattia e la morte, con una probabilità di infettarsi per chi aveva ricevuto il ciclo completo di vaccinazione di circa lo 0,1% dopo un mese dalla vaccinazione (con un calo fino a poco sotto all’1% dopo sei mesi).

La capacità protettiva dei due vaccini è risultata sostanzialmente sovrapponibile, con un leggero vantaggio per il prodotto Moderna. Lo studio si riferisce, tuttavia, al periodo compreso tra dicembre 2020 e ottobre 2021, quindi prima dell’avvento della variante Omicron. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA