Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

IL VERTICE

Allerta rossa a Stromboli, il ministro Musumeci sull’isola: «Priorità è l’incolumità delle persone, Protezione civile pronta a intervenire»

Sopralluogo dell'ex governatore: «Se il fenomeno nei prossimi giorni dovesse attenuarsi alcune misure potrebbero essere revocate»

Di Redazione |

Il ministro per la Protezione civile Nello Musumeci è arrivato oggi a Stromboli in elicottero, accompagnato dal capo dipartimento nazionale Fabrizio Curcio, per presiedere un vertice convocato al Centro operativo avanzato sull’eruzione del vulcano dell’isola delle Eolie. «Lo Stato di mobilitazione è stato firmato per consentire al dipartimento di supportare l’azione della Regione Siciliana e del Comune in una fase di emergenza – ha detto Il ministro Musumeci – mettendo a disposizione tutte le risorse, umane e strumentali, in un momento delicato che le strutture locali non potrebbero affrontare da sole. Tutto questo nell’ipotesi della necessità dovere intervenire, ma in questo momento l’ipotesi non esiste. Ma bisogna essere cauti, attenti e pronti».

«Abbiamo sorvolato la Sciara del fuoco – ha aggiunto – e abbiamo notato come questa attività, che è presente dal 23 giugno, se pure in fase di attenuazione ancora continua. Abbiamo l’obbligo di stare sempre in guardia, di immaginare sempre lo scenario peggiore e augurarci quello migliore».

«I divieti istituti a Stromboli – ha spiegato Musumeci – non sono frutto di un capriccio, ma vengono adottati perché siamo in una fase allerta rossa e non possiamo non tenere conto della necessità di salvaguardare la sicurezza di tutti. Stiamo mantenendo un profilo basso per non danneggiare i turisti, questa è un’isola meravigliosa che va vissuta, ma tutto quello che stiamo facendo è doveroso, saggio e irrinunciabile. E chiaro se il fenomeno nei prossimi giorni dovesse attenuarsi alcune misure potrebbero essere revocate. Però è necessario innanzitutto attivare il protocollo, perché l’obiettivo prioritario è quello di salvaguardare l’incolumità delle persone».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA