Notizie Locali


SEZIONI
°

Cronaca

Avola, condannato a 30 anni il giovane che uccise la madre della fidanzata

Di Redazione |

SIRACUSA – Nel giorno della violenza sulle donne, a 48 ore dalla condanna a 30 anni di Luca Priolo per l’omicidio di Giordana Di Stefano, arriva un’altra condanna a trenta anni di reclusione per un femminicidio. Il gup del tribunale di Siracusa ha condannato a 30 anni di reclusione Giuseppe Lanteri, 20 anni, accusato dell’omicidio di Veronica Lopiano, infermiera dell’ospedale Di Maria, originaria di Caltanissetta, madre della ex fidanzata, uccisa a coltellate davanti alla porta della propria abitazione ad Avola (Siracusa) il 27 settembre dello scorso anno. L’avvocato Antonino Campisi, legale di Lanteri, aveva chiesto l’assoluzione per incapacità di intendere e di volere al momento dei fatti o in attenuante la semi infermità di mente.

Il giudice, che ha giudicato con rito abbreviato, ha accolto la richiesta del pm. Secondo la ricostruzione della polizia, alla base dell’omicidio ci sarebbe il risentimento di Lanteri nei confronti della figlia della vittima dopo la fine della loro relazione sentimentale. Il giovane si sarebbe presentato nella casa della giovane, armato di coltello, ma ad aprirgli la porta era stata l’infermiera colpita con diversi fendenti. Lanteri era fuggito ma era stato rintracciato su una scogliera alcune ore dopo.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati