Notizie Locali


SEZIONI
Catania 29°

MISTERIOSA MORTE

Comiso: il giallo di Francesco, uscito per fare jogging e trovato morto in un dirupo. L’ipotesi dell’avvelenamento

Escluso il decesso accidentale, si fa strada l'ipotesi del suicidio, anche se il 23enne non aveva alcun problema apparente

Di Antonello Lauretta |

Assume i controni di una giallo a -comiso la tragica scomparsa di Francesco Donzelli, 23 anni, trovato senza vita in un terreno scosceso nella zona di contrada Canicarao, a pochi chilometri dall’abitato di Comiso. Ancora ignote le cause ufficiali del decesso, ma la sua morte assume ogni momento che passa contorni sempre più misteriosi: si parla addirittura di avvelenamento.

Il giovane era uscito di casa martedì, intorno alle 10,30, in tuta da ginnastica per fare jogging in una zona boschiva gestita dalla Forestale. All’ora di pranzo non era rientrato e i genitori allarmati sono andati a cercarlo nella zona che sapevano frequentata dal figlio. Nella zona hanno trovato la vettura, regolarmente parcheggiata, ma del giovane nessuna traccia. 

Intorno alle 17, i genitori hanno allertato i carabinieri della stazione di Comiso e sono iniziate subito le ricerche, con l’ausilio dei vigili del fuoco e delle unità cinofile. Alle ricerche si sono uniti anche alcune Guardie Forestali.

Il corpo del giovane, ormai esanime, è stato trovato intorno alle 6,30 di mercoledì. Si trovava in una zona leggermente scoscesa e inizialmente si era pensato a una morte accidentale, ipotesi però assai improbabile.

Il giovane potrebbe avere avuto un malore o essere morto per altra causa. Il sostituto procuratore Silvia Giarrizzo ha disposto l’autopsia. Ma secondo indiscrezioni potrebbe esserci l’assunzione di veleno dietro la morte del giovane. Prende corpo, pertanto, l’ipotesi del suicidio, ipotesi che sarebbe venuta fuori in seguito all’ispezione cadaverica effettuata dopo il ritrovamento del corpo del giovane, anche se non si capisce perché un giovane di 23 anni, con nessun problema apparente, abbia deciso di togliersi la vita ingerendo del veleno e poi andando a fare jogging

Francesco Donzelli aveva frequentato l’università, ma poi aveva smesso. I suoi genitori sono separati e viveva con la madre. Era un ragazzo come tanti e dagli elementi raccolti non sembra avesse dato segnali che potessero far presagire un gesto estremo.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA