Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Ordine pubblico

I controlli no stop per la movida più sicura nel weekend a Catania

Durante i servizi, nella zona del Teatro Massimo, sono state identificate 30 persone di cui 4 con precedenti penali e sono stati controllati 10 veicoli.

Di Redazione |

Anche nel fine settimana appena trascorso, visti i risultati positivi ottenuti, le forze di polizia hanno predisposto i servizi di presidio e controllo delle zone del centro storico cittadino, in attuazione delle direttive del Ministro dell’Interno e secondo quanto concordato in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tra il Prefetto di Catania ed i vertici provinciali delle Forze di polizia.

Con ordinanza del Questore di Catania sono stati predisposti mirati servizi interforze di vigilanza e di ordine pubblico al fine di poter assicurare la dovuta tutela ai frequentatori delle vie e piazze della zona della “movida”, ai clienti dei locali, ai residenti ed ai titolari delle numerose attività commerciali invase da parecchi frequentatori soprattutto nel fine settimana.

I dispositivi sono stati realizzati nell’area di piazza Vincenzo Bellini e zone limitrofe da agenti della Questura di Catania, da militari della Guardia di Finanza e da pattuglie della Polizia Locale, con il supporto operativo di operatori della Polizia Scientifica e di unità di rinforzo del X Reparto Mobile, coordinati da un Funzionario della Polizia di Stato, mentre in piazza Federico di Svevia e nelle zone circostanti hanno operato militari dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale. In entrambe le zone, gli operatori hanno effettuato un’attenta attività di osservazione sulle persone in transito o in stazionamento all’interno delle aree pedonali, al fine di prevenire comportamenti eccessivi, di disturbo e comunque improntati all’illegalità. Nel corso dei servizi, inoltre, è stata eseguita una capillare perlustrazione delle piazze e delle vie circostanti, alternata alla realizzazione di diversi posti di controllo.

Nella zona circostante piazza Bellini, gli equipaggi sono stati dislocati in modo da evitare l’accesso alla zona pedonale dalle strade laterali, soprattutto di motocicli, ma anche per vigilare sulle condotte degli avventori, al fine di prevenire e contrastare fenomeni di illegalità diffusa, come lo spaccio di stupefacenti o l’abuso di alcolici tra i giovani.

Durante i servizi, nella zona del Teatro Massimo, sono state identificate 30 persone di cui 4 con precedenti penali e sono stati controllati 10 veicoli.

Nelle aree Piazza Teatro Massimo, Piazza Federico di Svevia e via Gemmellaro, anche i militari dell’Arma dei Carabinieri sono stati impegnati nel prevenire e colpire i fenomeni di criminalità diffusa, tra cui lo smercio di droga tra i giovani e i reati predatori, nonché la guida in stato d’ebbrezza e quelle condotte irrispettose del decoro urbano, come la sosta selvaggia nei pressi dei siti storici o in quelli di maggiore aggregazione: qui, sono state controllate 37 persone, tra fruitori della movida/utenti della strada e 23 veicoli e sono state contestate, inoltre, 15 infrazioni al Codice della Strada di cui 14 per divieto di sosta e 1 per sosta sulle strisce pedonali: tali sanzioni sono state comminate ad automobilisti che avevano parcheggiato irregolarmente la propria auto davanti al Castello Ursino. Sono stati anche effettuati controlli volti a prevenire la guida sotto l’effetto di alcool, con l’utilizzo dell’etilomentro. Sul fronte dell’attività amministrativa è stato controllato un pub, sanzionato per la mancata esposizione del listino prezzi e per la mancanza degli orari di apertura e chiusura. Infine, 4 giovani sono stati perquisiti alla ricerca di sostanze stupefacenti, con esito negativo.

Grazie all’attività preventiva dinamica posta in essere e ai presidi attuati, nelle zone in cui sono stati eseguiti i servizi non sono state registrate criticità.

Nel corso del fine settimana, inoltre, agenti delle MotoVolanti della Polizia di Stato sono stati impegnati in un servizio finalizzato a contrastare l’attività dei posteggiatori abusivi. Il servizio si è svolto nella zona del Centro storico, dove più volte è stata rilevata la presenza di soggetti molesti, a volte minacciosi, che importunano gli automobilisti con illecite richieste di denaro per poter posteggiare il veicolo.

In particolare, sono state perlustrate Piazza Manganelli e le vie San Gaetano alla Grotta, Dusmet, Puccini e Sant’Euplio. Le persone individuate ad esercitare quest’attività illegale sono state ben sette: sei cittadini catanesi e un rumeno di età compresa tra i 30 e i 61 anni che sono stati sanzionati secondo quanto previsto dal Codice della Strada.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA