Notizie Locali


SEZIONI
°

L'EMERGENZA

Incendi: chiuso l’aeroporto di Trapani, turisti in fuga via mare da Scopello, bagnanti bloccati a San Vito lo Capo

Evacuazione per circa 200 vacanzieri nella frazione del comune di Castellammare del Golfo. Oltre 36 roghi attivi in tutta l'Isola

Di Redazione |

Il fuoco, le temperature roventi e il vento di scirocco si stanno rivelando un cocktail micidiale per la Sicilia occidentale, nuovamente in emergenza incendi. A causa di un incendio è stato chiuso l’aeroporto di Trapani. Le fiamme sono divampate in un vallone che costeggia le piste dello scalo di Birgi. Un altrorogo ha costretto i soccorritori a sgomberare la Tonnara di Scopello, frazione del comune di Castellammare del Golfo, e circa 200 turisti sono stati portati in salvo via mare. Chiusa la statale 119 di Gibellina sempre per un incendio nei pressi di Alcamo.

La Tonnara

Drammatica l’evacuazione della Tonnara di Scopello tra fiamme che lambiscono la stessa struttura, aria irrespirabile e corsa contro il tempo. I turisti vengono portati in salvo via mare. Sul posto la Protezione civile con due elicotteri e un canadair per cercare di domare le fiamme. “Stiamo evacuando circa 200 persone”, ha detto il dirigente generale del Dipartimento Protezione Civile della Regione, Salvatore Cocina -. Sono decine gli incendi che stanno interessando la Provincia di Trapani. La situazione più grave a Scopello. Ma il fronte degli incendi è ampio. Roghi si registrano anche nel Palermitano, nell’Agrigentino, dappertutto in Sicilia. Sono in contatto continuo con il presidente della Regione, Renato Schifani, che segue la situazione».

Sul posto è intervenuto l’equipaggio della motovedetta CP 719 dell’ufficio marittimo di Castellammare del Golfo che ha soccorso oltre 40 persone, mentre molti altri turisti e bagnanti salvati sono stati salvati da mezzi privati coordinati dalla guardia costiera di Trapani di fronte la tonnara di Scopello, completamente avvolta dalle fiamme con il fuoco che ha circondato tutta la località, ostruendo le uniche via di fuga da terra.

Vista l’impossibilità di trovare rifugio dalle fiamme all’interno della costa, tutte le persone si sono riversate sulla spiaggia antistante la tonnara, verso il mare, per difendersi dal fuoco e dall’incendio, nonostante ciò, si sono subito trovate in grande difficoltà, a causa dell’intenso fumo e dei lapilli di cenere trasportati dal forte vento presente in zona.

L’evacuazione di tutta la spiaggia e di altri bagnanti, nel frattempo rimasti intrappolati in alcune piccole calette della costa, con il fuoco divampante alle spalle, è stata conclusa in poco più di 30 minuti, dopodiché le motovedette sono rimaste in zona per pattugliare il litorale in cerca di eventuali altre persone in difficoltà ma, fortunatamente, non hanno rinvenuto nessun altro in pericolo.

Monte Cofano

Decine di bagnanti sono bloccati con le proprie auto alle pendici del monte Cofano sul versante di San Vito Lo Capo (Trapani) dove è in corso un vasto incendio. Un elicottero sta tentando di tamponare la situazione in attesa di rinforzi, gettando acqua del mare sulle fiamme che stanno devastando la riserva, alimentate dal forte vento di scirocco.

Lo scalo aereo

A Trapani Birgi la società di gestione dell’aeroporto, Airgest, ha disposto la sospensione di tutte le operazioni di aviazione civile a causa dell’incendio che si è sviluppato nelle campagne circostanti, lato mare, e che si sta propagando all’interno del sedime aeroportuale lato pista.

Sono stati dirottati su Palermo alcuni voli che dovevano atterrare all’aeroporto di Trapani-Birgi. In particolare si tratta dei voli provenienti da Belgrado, Bratisvava e Porto.

Sono in corso le operazioni di spegnimento con mezzi antincendio militari del 37′ Stormo e civili, compreso un elicottero antincendio del 82′ CSAR dell’aeronautica. “Stiamo collaborando con l’aeronautica militare e i vigili del fuoco per il contenimento dei danni. La struttura, fortunatamente, allo stato attuale, non è sfiorata, abbiamo comunque emesso un avviso per l’interruzione di tutti i voli fino a che le fiamme non saranno domate e la pista ispezionata. Questa stagione degli incendi – afferma il presidente dell’Airgest Salvatore Ombra – sta mettendo a dura prova il sistema aeroportuale tutto”.

La situazione

Sono 36 gli incendi in corso in Sicilia in questa domenica di gran caldo. Per fronteggiare i roghi sono impegnati i forestali e i vigili del fuoco su decine di fronti. Quattro incendi sono divampati nell’agrigentino a Cianciana in contrada Bissana, Calamonaci in contrada Canalicchio a Sciacca contrada San Calogero Isabella e Alessandria della Rocca in contrada Gabibbi. Nel nisseno a Mazzarino in contrada San Cono Sottano, a Niscemi lungo la strada provinciale 11, e a Santa Caterina Villarmosa in contrada Muleri.Nel catanese a Caltagirone contrada Croce, a Mascali, a Piedimonte Etneo in contrada Zappello di Campagna e in contrada Ven, a Castiglione si Sicilia in contrada Marchesa e in contrada Passo Siletta e a Linguaglossa in contrada Panella. Nell’ennese roghi a Pietraperzia in contrada Masseria Minniti, a Barrafranca in contrada Galati.

Nel palermitano fiammea Contessa Entellina in contrada Garcia, a Monreale nella zona di Santuario Tagliavia, a Monreale nel Lago Poma, a Santa Cristina Gela in contrada Pianetto, e nella zona di Giacalone.Nel trapanese a Santa Ninfa in contrada Finestrelle, ad Alcamo in contrada Monte Bonifato, a Buseto Palizzolo, a Baglio Portelli, a Castellammare del Golfo in contrada Sarmuci, a Custonaci in contrada Frassino, a Erice in contrada Baglio, a Marsala in contrada Filippo a Poggioreale e a Salemi in contrada Monte Polizzo.

Infine nel messinese a Castell’Umberto in contrada Bivio Colamarco e a Librizzi in contrada San Sebastiano.

Il governatore

«In queste ore, anche a causa del forte vento di scirocco, diversi incendi stanno interessando alcune province della Sicilia – ha detto il presidente della Regione siciliana Renato Schifani -. Le sale operative del nostro Corpo forestale e della Protezione civile sono in costante contatto con i sindaci del territorio per monitorare la situazione. Sono attivi diversi mezzi aerei tra canadair e elicotteri regionali e fortunatamente nessuno al momento è rimasto ferito e non risultano danni alle abitazioni».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA